Cultura&Spettacolo

Primavera dei Teatri, programmazione del sesto giorno di festival

CASTROVILLARI (CS) – Il sesto giorno di Primavera dei Teatri, festival sui nuovi linguaggi della scena contemporanea ideato e diretto da Scena Verticale, si apre alle 10 al Protoconvento Francescano  con un importante appuntamento: l’incontro Le Buone Pratiche oltre il decreto. Basilicata, Calabria, Puglia, Sicilia: Primavere a Sud, un focus group a cura di Associazione Ateatro e Scena Verticale, in collaborazione con Festival Città delle 100 Scale, Rete Latitudini, Teatro Koreja e Teatri di Bari. L’Associazione Culturale Ateatro, attraverso il percorso delle Buone Pratiche del Teatro, cerca di dare il suo contributo analizzando gli effetti del Decreto 1° luglio 2014 sul sistema teatrale, in una serie di incontri di livello nazionale, anche in vista della normativa che regolerà il triennio 2018-2020.  Un gruppo di lavoro ristretto di cinque operatori per regione, a porte chiuse, esaminerà in modo approfondito la situazione dei rispettivi territori (la geografia – nuova o vecchia? – dei sistemi regionali, la normativa, le politiche e le opportunità, progetti e ipotesi di sviluppo). Alle 16 si apriranno le porte presentando gli esiti della discussione.

Per il Primavera Kids a Palazzo di Città alle 17 Conimieiocchi mette in scena lo spettacolo per bambini e adulti Quel pazzo di Orlando.

Una favola moderna, un fantasy rocambolesco, per avvicinare i ragazzi e gli adulti al patrimonio letterario italiano. Quel pazzo di Orlando, attraverso la logica del cartone animato e un linguaggio diretto e multiforme, ripercorre la storia del cavaliere Orlando e la sua follia per l’amore non corrisposto di Angelica con il susseguirsi di vari personaggi, dalla maga Logistilla all’Ippogrifo, dal gentile Medoro al mostro Orrilo.

Alle 19 al Capannone dell’autostazione Scena Verticale debutta con Il Vangelo secondo Antonio, scritto diretto e interpretato da Dario De Luca, con Matilde Piana e Davide Fasano. Don Antonio, un parroco di una piccola comunità, vicario generale del vescovo, si ammala di Alzheimer. Al suo fianco la sorella, devota perpetua dal carattere rude e un giovane e candido diacono. La malattia colpirà la mente brillante di questo sacerdote e nulla sarà più come prima: i congiunti si muoveranno a tentoni in un terreno per loro sconosciuto, con rabbia, insofferenza e shock. Don Antonio, entrato nella nebbia, inizierà a perdere tutti i riferimenti della sua vita ma allaccerà un rapporto nuovo e singolare con Cristo che porterà avanti anche quando, alla fine, si sarà dimenticato della malattia stessa.

Alle 21 al Teatro Sybaris Proxima Res mette in scena in anteprima nazionale lo spettacolo  Geppetto e Geppetto scritto e diretto da Tindaro Granata. Una coppia di uomini, Tony e Luca, da anni formano una famiglia. Come il Geppetto della favola più conosciuta al mondo, i due “danno” vita al proprio figlio. Il piccolo Pinocchietto, di nome Matteo, nasce con la pratica dell’utero in affitto. I primi anni di vita del bimbo sono pieni di gioia fino alla morte di uno dei due Geppetto, Tony. Crescendo, Matteo, orfano del padre biologico, rifiuta l’affetto dell’altro padre che lo ha cresciuto e amato ma con il quale, per legge, non ha nessun legame di parentela. Questa condizione di figlio “non riconoscibile” gli farà rinnegare tutto l’amore che ha ricevuto. Matteo chiede al suo Geppetto, Luca, le ragioni per le quali lo hanno fatto nascere in una famiglia “diversa”, perché lo hanno “creato” a tutti i costi.

La sesta giornata di Primavera si conclude al Blocco G del Castello Aragonese dove, dalle 24, si esibirà la band Sing Swing in un concerto dal sapore puramente swing.

Print Friendly, PDF & Email
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top