Politica

Magorno contro lo strabismo del Nuovo Centro Destra

ernesto magornoCATANZARO (CZ) – «Il progetto di  governo del PD è unico e condiviso, in Calabria come a Roma. Ne è una chiara  testimonianza il  ‘Patto per lo Sviluppo’ che nei prossimi giorni sarà firmato dal presidente del Consiglio Renzi e dal presidente della Giunta Regionale, Oliverio. NCD, quindi, nella nostra regione non può parlare una lingua diversa rispetto a quella che si parla a Roma». È quanto afferma il segretario regionale del Pd, on. Ernesto Magorno. «Scegliendo di sostenere alle amministrative candidati a sindaco la cui unica ragion d’essere è quella della contrapposizione al PD, NCD rischia di lasciarsi risucchiare dai vizi della vecchia politica, così lontani dall’azione di cambiamento  di cui è protagonista il loro stesso partito nel Governo Renzi e di cui si sta facendo positivamente interprete il presidente Oliverio con la sua azione di governo della Regione. Quei vizi – dice ancora Magorno –  in nome dei quali non si può giocare sulla pelle  della Calabria e sul futuro delle  sue città che attendono una nuova stagione di cambiamento in linea con quanto sta avvenendo nel resto del Paese. Tutto il Partito di Alfano in Calabria dovrebbe guarire  da  questa sorta di strabismo politico e  decidere  una volta per tutte come sciogliere ogni ambiguità. Non si può,dunque, stare a Roma con il PD e magari utilizzare la rendita del potere governativo in Calabria per fini diversi dagli obiettivi che il progetto di Renzi persegue per lo sviluppo del sud – conclude Magorno -. L’auspicio è che si risolvano al più presto le contraddizioni che stanno discostando il percorso del NCD da quello del Pd in città importanti come Crotone e Cosenza». Poco dopo arriva la replica dei vertici del Nuovo Centro Destra calabrese, Antonio Gentile, Giovanni Bilardi e Gianfranco Leone: «Non vorremmo polemizzare con Magorno che è stato l’unico dirigente del Partito democratico a cercare un colloquio sincero e senza pregiudizi con Area Popolare-Ncd. Mentre lui cercava un dialogo, gli altri esponenti del suo partito – sostengono – non solo chiudevano le porte ma addirittura insultavano a più riprese, con arroganza pari alla loro ignoranza, il partito del Nuovo centrodestra ed i suoi maggiori esponenti. Basta ricordare, per inciso, che il segretario provinciale del Pd cosentino ha tentato di allontanarci in ogni modoantonio gentile dal tavolo delle trattative. E se non bastasse, il candidato alla carica di sindaco Presta, più volte e pubblicamente, ha dichiarato – aggiungono i vertici regionali del partito – di non volere alleanze con l’Ncd. Si ha l’impressione che all’interno del Partito democratico decidano forze che dovrebbero rimanere lontani mille miglia dalle istituzioni e dalla vita dei partiti. Pertanto, caro Magorno, ti suggeriamo – proseguono Gentile, Bilardi e Leone rivolgendosi al segretario regionale del Pd– di rimuovere queste incresciose situazioni al tuo interno e ti invitiamo ad una franca e serena riflessione sulla condotta politica che è risultata ondivaga e confusa. Ti ribadiamo, infine, che l’unico e preminente interesse di Area Popolare-Ncd è quello di riportare la legalità a palazzo dei Bruzi e su questo tema ci faremo sentire chiedendo coerenza a tutti. Infine, è illusorio pensare che ci possano essere tra il Pd ed l’Ncd alleanze “usa e getta”. A livello nazionale con Renzi esiste e si è rafforzata una alleanza politica di fondo; in Calabria avviene l’esatto contrario».

Print Friendly, PDF & Email
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com