Nerd

[Games] Goty Awards, le Nomination

gotyCome ogni fine anno, è il momento di tirare le somme di ciò che si è, e non si è, fatto durante i 365 giorni precedenti. Ogni anno, verso la fine, in concomitanza con questi criptici pensieri potenzialmente devastanti, c’è qualcosa di meraviglioso ad allietarci l’esistenza. Uno, perché segna un po’ la vittoria di coloro che ci hanno creduto. Due perché i vincitori dei premi, aggiungeranno ai loro titoli le quattro lettere magiche: GOTY. Sto parlando del premio per il miglior videogame dell’anno che questa volta ha dei partecipanti molto agguerriti. Vediamo le nomination:

Miglior Gioco dell’anno:

BloodBorne: Dopo Dark Souls 1 e 2, la From Software in collaborazione con la Sony ha portato un titolo di grande spessore che si allontana per tematiche e tempistiche ai primi due. Le tinte scure, le animazioni e i mostri hanno aiutato molto la software house ad evolvere il proprio stile dandogli la possibilità di creare una nuova IP per nextgen

Fallout 4: è uscito da poco ma praticamente e come se avesse già la vittoria in pugno. Quasi tutte le testate the witcherconcordano che questo Fallout è il simbolo di questa generazione di console. Ha in totale 4 nomination quest’anno e, per un gioco uscito a distanza di tre settimane dai premi, è già un grandissimo traguardo.

Metal Gear Solid 5: The Phantom Paine: MGS è ormai arrivato al quinto titolo su console e pc (senza contare gli spin-off) e ha confermato il suo posto nell’olimpo dei migliori giochi dell’anno. Riuscirà Snake a portare a casa il premio? O dovrà nascondersi nello scatolone per scappare?

Super Mario Maker: Nonostante non sia effettivamente un gioco, ma più una utility, Super Mario Maker ha praticamente sbalordito tutti con il suo impatto sulla community di videogamers. Perfino famosi level designire di titoli AAA hanno speso qualche giorno di lavoro a fare il proprio livello per Super Mario. La Nintendo forse non si aspettava questa nomination ma meglio questa di niente!

The Witcher 3: Wild Hunt: Già vincitore di molti premi, la CD Projekt Red, spera di portare a casa anche il miglior gioco dell’anno. Sicuramente è tra le favorite insieme a Fallout 4 e MGS. Sarà uno scontro davvero interessante.

Miglior gioco indipendente:

Axiom Verge: Tomhas Happ è il creatore di questo metroidvania action che ha tra le sue peculiarità lo sfruttare dei vecchi schemi dei videogiochi classici e una storia sempre sospesa sul filo della comprensione.

Her Story: Una donna del ’94 viene intervistata dalla polizia per via della sparizione di suo marito. Le uniche cose arocket disposizione per svelare il mistero, sono dei video dell’interrogatorio. Questo titolo creato da Sam Barlow racconta una stroria triller come mai nessuno aveva fatto.

Ori and the Blind Forest: Uno dei tentativi ben riusciti della Microsoft di avventurarsi su sentieri “diversi” dei soliti giochi mainstream. Ori si racconta in maniera drammatica e anche se spesso ricorda molto altri giochi dello stesso genere, riesce a tenersi distante e innovativo con le sue ambientazioni surreali e colorate.

Rocket League: Chi non ha sentito parlare di Rocket league in questi ultimi mesi? Il connubio tra le due passioni più grandi in italia. Calcio e Macchine.

Undertale: Molto discusso e controverso. Undertale è riuscito a raggiungere, proprio per la sua natura “alternativa”, le nomination per il gioco indie dell’anno. Riuscireste a giocare ad un videogame dove tutti i nemici possono essere combattuti in maniera non violenta invece che annichiliti?

Miglior gioco per mobile:

Downwell: Questo gioco indie riesce a fondere insieme lo stile retro degli 8-bit e il rougelike shooter. La migliore delle innovazioni però risiede nella creazione progressiva dei livelli. Ossia man mano che giochiamo, il livello si crea istantaneamente permettendoci di non avere mai una partita identica.

Fallout Shelter: Doveva essere, probabilmente, solo uno strumento per aumentare l’hype per Fallout 4 ma, la capacità degli sviluppatori di riassumere tutti i capitoli e gli aggiornamenti frequenti, rendono questo simulatore post-apocalittico uno strumento efficace per passare del tempo.pacman

Lara Croft Go: La serie “GO” della square soft sta portando ottimi lavori per mobile e questo titolo ispirato a Tomb Raider non si allontana affatto dall’ottima qualità del vecchio Hitman GO. Attraverso un susseguirsi di puzzle, questo gioco metterà a dura prova le nostre capacità cognitive attraverso colori accesi e salti acrobatici. Sicuramente il Tomb Raider più singolare mai sviluppato.

Monster Hunter 4 Ultimate: La Capcom ha probabilmente preso una decisione molto importante nel portare Monster Hunter su 3DS ed è stata egregiamente ripagata. Nuove armi, nuove meccaniche e, sopra ogni cosa, nuovo sistema online. Le vendite sono schizzate fin da subito in alto e questo gli ha valso la nomination per il best mobile.

Pac-Man 256: Abbiamo conosciuto la Hipster Whale per Crossy Roads, li abbiamo amati per shooty skies ma l’idillio è stato sancito da questo endless Pacman. Dove gli altri hanno fatto avventure o mappe giganti, la collaborazione con Bandai Namco ha permeso la creazione di un endless con poteri evolvibili e tante, tante pasticche.

Migliore narrazione:

Life is Strange: Un milione di copie, cinque episodi e una ragazza come protagonista. Dalla rivoluzione di “the wolf among us” della Telltale, ormai molti dei giochi di avventura e punta e clicca sono divenute delle simil avventure grafiche con forte contenuto drammatico. Life is strange non si esime e crea un’intreccio notevole che ha permesso alla Square una nomination meritata.

Tales From the Borderlands: Gioco inaspettato, dopo l’uscita di Borderlands 3: The pre-sequel, si pensava che laborderlands storia fosse stata dipanata nella sua totalità, ma con questo titolo a cui hanno collaborato una delle più famose software house del momento, la Telltale, sono riusciti a districare ancora di più la trama aggiungendo un tocco drammatico al parodico Borderland

Until Dawn: Prendete un film horror degli anni ’80 aggiungete una valanga di possibili scelte e una grafica davvero niente male. Otterrete Until Dawn. Seppure con molti cliché, questo titolo ha meritato il suo accesso alle nomination per la controversa capacità degli sviluppatori di togliere spazio all’originalità della trama ma garantirlo all’idea di base su cui, ogni scelta del giocatore, ricaderà sui personaggi. Elevato questo punto all’ennesima potenza hanno trascurato la parte drammatica ma, alla fine dei conti, nel complessivo, non è male.

The Witcher 3: Wild Hunt
Her Story

Migliore Direzione Artistica:

Batman: Arkham Knight: nonostante sia acclamato dalla critica come uno dei migliori batman di sempre, Arkham Knight è divenuto ancora più famoso per i suoi innumerevoli bug e restrizioni. Questo ha costretto gli sviluppatori a lavorare più dopo la sua uscita che prima. Innumerevoli patch e bugfix però non hanno portato, ancora adesso, ad un gioco completo e privo di quei fastidiosi glitch che fanno lanciare il pad fuori dalla finestra.

Bloodborne
Metal Gear Solid 5: The Phantom Pain
Ori and the Blind Forest
The Witcher 3: Wild Hunt

Miglior Colonna sonorahalo5

Fallout 4: Inon Zur
Halo 5: Guardians: Kazuma Jinnouchi
Metal Gear Solid 5: The Phantom Pain: Ludvig Forssell, Justin Burnett, Daniel James
Ori and the Blind Forest: Gareth Coker
The Witcher 3: Wild Hunt: Marcin Przybyłowicz, Mikolai Stroinski, Percival

Migliore performance

Ashly Burch as Chloe Price (Life is Strange)
Camilla Luddington as Lara Croft (Rise of the Tomb Raider)
Doug Cockle as Geralt (The Witcher 3: Wild Hunt)
Mark Hamill as The Joker (Batman: Arkham Knight)
Viva Seifert (Her Story)

Giochi per il cambiamento

Cibele: Ogni videogiocatore, soprattutto coloro che giocano online, hanno avuto l’opportunità di giocare ad un MMORPG. Cibele, racconta una storia d’amore che si è instaurata su di una di queste piattaforme e poi sfociata nella vita reale.cibele

Sunset: Una donna viene assegnata alla pulizia di un appartamento, dalle finestre, una rivoluzione civile . Mentre sbriga le faccende, in un contorno storico del 1975, la donna scopre nuove informazioni sul suo datore di lavoro che la metteranno davanti a delle scelte.

Her Story
Life is Strange
Undertale

Miglior Sparatutto

Call of Duty: Black Ops 3: Cambia il nome e si aggiunge un numero ma Call of Duty rimane uno dei titoli attesi ogni anno. In questa edizione troviamo robot, poteri cibernetici e wall run. Volete qualcosa di più?

Destiny: The Taken King: Destiny è forse il titolo che più sta riscuotendo successo mediatico e ludico negli ultimi tempi. L’edizione principale ha fruttato più di 500 milioni nelle prime 24h e, insieme al rivoluzionario sistema online, questo sparatutto è il più giocato al momento. Riuscirà a sbaragliare la concorrenza?

Halo 5: Guardians: Attesissimo seguito di Halo. Dopo Reach pensavamo di aver visto tutto il possibile di questa serie ma con Guardians Microsoft vuole portare Master Chief nella nuova generazione di console. Grafica eccezionale, epicità a fiumi e un sistema online invidiabile. Bentornato Master Chief.

Splatoon: Unico titolo Nintendo della categoria, Splatoon ha sbalordito tutti con la sua fama. Nessuno, infatti, si splatoonaspettava che ricevesse un consenso dal pubblico così alto. Tuttavia ci è riuscito e con un mondo di colori come arma, il mondo è più divertente.

Star Wars Battlefront: Star wars + Next Gen + Nuova trilogia in arrivo al cinema = connubio perfetto. Nonostante non fosse ancora uscito quando ha ricevuto la nomination, la sola beta gli ha valso talmente tante critiche positive che hanno scalzato molti altri sparatutto e gli hanno fatto guadagnare il posto che gli spetta nell’olimpio delle nominees GOTY. Dicono sia uno dei migliori giochi su Star Wars mai usciti ma sarà solo la giuria a deciderlo.

Miglior gioco di avventura

Assassin’s Creed Syndicate: Puntuale come ogni anno, la Ubisoft rilascia il suo assassin’s creed. Questa volta nella Londra vittoriana. Dopo il flop di Unity, questa volta la casa francese cerca di rimettere in riga la serie nella speranza di maggiore gradimento dal pubblico. Rimangono i molti bug (anche se meno di Unity) e viene risollevato il sistema di combattimenti. Un buon titolo che però rimane ancora lontano dalla fama di AC II

Rise of the Tomb Raider: Secondo capitolo della rinnovata serie di Tomb Raider. Acclamatissimo dalla critica e dai giocatori che trovano il connubio con la nuova generazione, il tocco necessario per rendere la meraviglia degli scenari. Ancora più cupo, ancora più verosimile, ancora più Lara Croft.

Batman: Arkham Knight
Metal Gear Solid 5: The Phantom Painmetal
Ori and the Blind Forest

Miglior gioco di ruolo

Pillars of Eternity: Rivelazione dei gdr dell’anno, dopo la vittoria del kickstarter, Pillars of eternity è diventato quasi subito un must dei giochi di ruolo. Con un’innovativo sistema di statistiche, di abilità e di classi, stringe la mano a D&D ma con l’altra lo saluta avviandosi su di una strada più moderna.
Bloodborne
Fallout 4
The Witcher 3: Wild Hunt
Undertale

Miglior Gioco Picchiaduro

Mortal Kombat X: Arrivato al decimo capitolo della serie, Mortal kombat ha ancora qualcoda da raccontarci e lo fa innovando il suo sistema truculento con gli x-ray e ambientazioni sfruttabili. Ci sono i vecchi personaggi con le loro storie e alcuni nuovi che portano morte e distruzione a loro modo. Come sempre, troviamo anche personaggi famosi dei film e dell’animazione contemporanea.

Guilty Gear Xrd -Sign-: Guilty gear non ha mai avuto molto successo in occidente per via della sua natura “cartonata”. Il cell shading però è una tecnica che riesce a fondere insieme gli anime ai videogame e ce lo ricordano anche titoli più famosi come Dragon Ball, Naruto e One Piece. Tuttavia, fino ad ora, non si era mai sentito di un picchiaduro in cell shading che utilizzasse l’Unreal Engine ed è sicuramente questo uno dei motivi che gli hanno valsi la nominee insieme allo stile definito e particolare, i personaggi modellati perfettamente per sembrare 2D ma poi, con una rotazione di macchina, perfettamente in 3D. Ottimo lavoro!

Rise of Incarnates: nonostante la bandai Namco abbia deciso di chiudere il progetto questo dicembre, questo picchiaduro ci ha fatto sognare durante l’alpha attraverso le sue innovazioni stilistiche. Un 2v2 in terza persona che permette di giocare contemporaneamente con altri 3 amici o IA. Strutture distruttibili, attacchi da satelliti e tanto altro. Peccato che la Bandai ha deciso di sospendere il progetto precludendo una release finale agli autori di Soul Calibur e Tekken.

Rising Thunder: Un altro picchiaduro free to play, questa volta con robot che se ne danno di santa ragione! La particolarità che gli ha valso la nomination è sicuramente il sistema di input per le mosse speciali. Niente mezze lune e combinazioni, niente memoria di ferro. Tre pulsanti, insieme al direzionale, permettono di fare delle mosse predefinite. Un combattimento quindi più semplice con una grafica che ci ricorda molto big-hero 6.

Miglior gioco per famiglia

Disney Infinity 3.0: Siamo giunti alla terza edizione di Disney infinity, un gioco che ha permesso a molti nerd e appassionati di avere una action figure dei propri personaggi preferiti ad un prezzo accessibile. La particolarità di questo gioco è quella di poter utilizzare, attraverso codici o NFC, il personaggio precedentemente acquistato in alcuni livelli disponibili online.

Lego Dimensions: Come Skylanders e disney infinity, Lego dimensions ha bisogno di pezzi supplementari per legopoter essere giocato, tuttavia, diversamente dagli altri titoli simili, Lego dimensions utilizza un nuovo modo per divertire attraverso il “Portale”. Costruire il proprio personaggio sbloccando la sua dimensione e poi combinarlo con la macchina dei Ghost Busters per utilizzarla nelle missioni. Tutto possibile attraverso il portale di gioco!

Skylanders SuperChargers: Ormai giunto al quarto anno di seguito, Skylanders si rinnova portando con se i veicoli. Basato sempre sui giocattoli acquistabili nei negozi, Superchargers ha di nuovo la possibilità di potenziare, utilizzare e scambiare dei veicoli con cui giocare nella nuova versione. I personaggi sono retrocompatibili! Quindi potrete utilizzare i vostri vecchi pezzi e associarli ai mezzi così da creare delle nuove combinazioni personalizzate. Il gioco si basa sull’esplorazione e l’uccisione dei mostri ma in un gioco del genere non poteva mancare la corsa in arena in stile Mario Kart. La cosa che è più piaciuta alla critica è sicuramente la diversità nel cooperativo che non si limita alla semplice corsa di due persone in splitscreen, ma unisce i giocatori su di un solo mezzo con differenti mansioni.

Splatoon
Super Mario Maker

Miglior gioco sportivo o di corsa automobilistica

FIFA 16fifa
Forza Motorsport 6
NBA 2K16
Pro Evolution Soccer 2016
Rocket League

Miglior Gioco multiplayer

Call of Duty: Black Ops 3
Destiny: The Taken King
Halo 5: Guardians
Rocket League
Splatoon

Il gioco più desiderato dell’anno

Horizon Zero Dawn: Ambientato in un futuro post post apocalittico, dei personaggi retrogadi si ritrovano a combattere giganteschi robot con armi non troppo evolute. La protagonista avrà a disposizione trappole e arco e frecce per poter distruggere i suoi aggressori in un open world colorato e vibrante di vita

No Man’s Sky: Se da un lato abbiamo l’open world di Horizon Zero Dawn, dall’altro abbiamo l’open universe di Nonoman sky Man’s Sky. Battaglie spaziali, ricerca di risorse, pianeti da esplorare nella loro interezza. Robot da distruggere e navi da evolvere in un sistema online che non mette i giocatori uno contro l’altro ma li unisce in una corsa alla raccolta per diventare sempre più ricchi e forti.

Quantum Break: Lo abbiamo visto da poco in giro ma già dai primi trailer si è dimostrato un gioco molto curioso. Un third person shooter che ci permette di manipolare il tempo sia all’esterno che all’interno dei combattimenti. All’interno del gioco troviamo attori importanti come Shawn Ashmore che da il volto al protagonista. Il tempo ci darà ragione!

The Last Guardian: Sequel spirituale di ICO, The Last Guardian ci sta dando alcune delle soddisfazioni che vorremmo negli ultimi tempi. Nessuna demo ancora in giro, solo immagini e qualche video ma già da questo e dalle parole degli sviluppatori, possiamo immaginare che sarà un buon titolo.

Uncharted 4: A Thief’s End Ultimo capitolo di Uncharted (forse) in cui troviamo ancora Nathan Drake alle prese con le sue avventure in giro per il mondo. É stato già annunciato e provato il Multyplayer online e hanno dichiarato delle modalità più veloci e semplici per ogni palato.

Miglior Esport dell’anno

Call of Duty: Advanced Warfare: L’undicesimo capitolo di COD uscito nel 2014 è forse lo sparatutto per console che ha ben contrastato il predominio di Battlefield online. Di sicuro ha attirato molto la modalità Exo Zombie e l’assenza dell’HUD a schermo.

Counter-Strike: Global Offensive: Evoluzione del vecchio titolo della Valve, apporta delle modifiche leggere a tutti gli aspetti come le armi e le mappe. Il sistema di gioco rimane però invariato per lo più e questo ha fatto storcere il naso a molti. Tuttavia rimane un gioco storico che da ancora soddisfazioni a livello competitivo.

Dota 2: Uno dei primi MOBA usciti e seguito di dota, segue le tipiche meccaniche di questa tipologia di giochi ma le ambienta in un’ambientazione fantasy derivante dal vecchio warcraft. La strategia è tutto in questo Esport e ogni kill ha un grande peso. Questo significa match più lunghi ma è anche questa una peculiarità del gioco.

Hearthstone: Heroes of Warcraft: Gioco di carte che ha spopolato quest’anno. Con i personaggi dell’universo Blizzard a disposizione e un doppiaggio peculiare, questo Esport ha portato al suo seno moltissimi fan e giocatori nell’ultimo periodo.

League of Legends: Probabilmente uno dei MOBA del momento che sta facendo scuola a tutti coloro che voglionolol avventurarsi in questo genere di giochi. Una community vastissima (ma anche una delle più tossiche) partecipa ogni giorno facendo diventare questo Esport uno dei favoriti.

Miglior giocatore di Esport dell’anno

Kenny “KennyS” Schrub (Counter-Strike: Global Offensive/Team EnVyUs)
Lee “Faker” Sang-hyeok (League of Legends/SK Telecom T1)
Olof “olofmeister” Kajbjer (Counter-Strike: Global Offensive/Fnatic)
Peter “ppd” Dager (Dota 2/Evil Geniuses)
Syed Sumail “Suma1L” Hassan (Dota 2/Evil Geniuses)

Miglior team Esport dell’anno

Evil Geniuses (Dota 2)
Fnatic (League of Legends)
Optic Gaming (Call of Duty/Halo)
SK Telecom T1 (League of Legends)
Team SoloMid (League of Legends)

Migliore creazione dei fan

GTA 5 – Targets (Hoodoo Operator)
Real GTA (Corridor Digital)
Portal Stories: Mel (Prism Studios)
Super Mario Maker e-Reader Levels (Baddboy78 / theycallmeshaky)
Twitch Plays Dark Souls (Twitch Community)

Giocatore più in voga

Total Biscuit
Christopher “MonteCristo” Mykles
Greg Miller
Markiplier
PewDiePie

Daniele Ferullo

Print Friendly, PDF & Email
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top