In Evidenza

Terra, speranze e sogni: dibattito su i giovani

MIRTO CROSIA (Cs) – L’album “Terra, speranze e sogni” del cantautore  Francesco Graziano, ha dato spunto a un dibattito in cui sono stati affrontati  temi riguardante i giovani. Nell’ambito dei festeggiamenti in onore di San Giovanni Battista, la piazza antistante la chiesa intitolata al Santo Precursore ha ospitato una piacevole serata di carattere socio culturale. Nel corso della discussione, il sociologo e giornalista Antonio Iapichino, che ha avuto il compito di introdurre e moderare i lavori, ha fatto notare che un tempo si emigrava con la valigia di cartone. Oggi lo si fa con il computer sotto il braccio. Sono cambiate le modalità, i mezzi con cui partire, ma si continua a emigrare. Prima emigrava la manovalanza, oggi, invece, sono le intelligenze che abbandonano la propria terra per cercare lavoro altrove.  Il parroco di “San Giovanni Battista”, don Giuseppe Ruffo, ha messo in risalto che <<la speranza non deve mai morire. Soprattutto per noi cristiani. La speranza>>, aggiunge,  << è legata alla terza caratteristica che Francesco Graziano ci ha regalato nel suo cd: i sogni>>.  Il sindaco di Crosia, Antonio Russo, ha esordito, facendo proprie le parole del Pontefice “Non fatevi rubare la speranza”. Poi, ha sottolineato il bisogno di un’azione sinergica fra le istituzioni e le agenzie educative presenti nel territorio comunale. <<La speranza e i sogni devono rappresentare un importante riferimento per ognuno di noi>>. L’auspicio del sindaco è che possa cambiare la realtà di Crosia. A tal proposito ha detto che si sta predisponendo il programma delle manifestazioni estive, nel corso del quale verrà dato spazio a tutti gli artisti locali, a coloro, cioè, che rappresentano le eccellenze del territorio. <<E’ necessario avviare una politica dei calabresi per i calabresi in modo da evitare ulteriori abbandoni di questa terra>>. Il produttore discografico, Roberto Cannizzaro, giunto appositamente da Tarsia, ha fatto notare che l’album di Francesco Graziano è un lavoro ben curato, sia per quanto attiene la musicabilità, la cantabilità e sia per l’esposizione dei testi. Inoltre, ha evidenziato che l’artista ha bisogno del supporto del pubblico. <<L’artista locale, poi, canta e racconta il territorio d’appartenenza>>. Da qui, l’invito ad ascoltare e meditare ciò che interpretano e scrivono gli artisti del luogo. <<Il musicista è una persona che regala il suo tempo e i suoi sentimenti. Ascoltatelo>>.

Print Friendly, PDF & Email
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com