Calcio

Catanzaro, pareggio a reti bianche nel recupero con la Viterbese

CATANZARO (4-3-1-2): Di Gennaro; Garufo, Fazio, Martinelli, Contessa; Baldassin (27′ st Di Massimo), Verna, Corapi; Casoli; Curiale, Evacuo. In panchina: Mittica, Iannì, Cusumano, Urso, Riccardi, Risolo, Cristiano, Pipicella, Carlini, Schimmenti. All.: Calabro.

VITERBESE (4-3-3): Daga; Baschirotto, Mbende, Markic, Urso; Palermo, Bensaja, Salandria; Simonelli, Rossi, Murilo. In panchina: Borsellini, Bianchi, Bezziccheri, Ricci, De Santis, E. Menghi, Falbo, Sibilia, M. Menghi, Besea. All.: Taurino

ARBITRO: Cudini di Fermo

NOTE: Ammoniti: 35’ pt Carlini (C), 44’ pt Mbende (V); 18’ st Markic (V); 24’ st Corapi (C); 29’ st Calabro (C); 39’ st Curiale (C). Corner: 10-6. Recupero: 0’ pt; 2’ st

 

CATANZARO – La nebbia è andata via ma le idee non si sono rischiarate ai giocatori di Catanzaro e Viterbese, che nei quaranta minuti rimasti da giocare della partita sospesa tre settimane fa non sono riusciti a trovare il gol. Un peccato per i giallorossi, che con i tre punti avrebbero chiuso il girone d’andata al terzo posto e che invece si devono accontentare della quarta piazza.

Dopo il “fischio d’inizio” subito brivido per il Catanzaro, con Salandria che ruba un pallone a destra e impensierisce Di Gennaro. Al 53′ il solito splendido cross di Corapi trova la testa di Curiale che colpisce la traversa. Il Catanzaro è padrone del campo, con gli esterni Garufo e Contessa sempre aperti e alti sulla stessa linea degli attaccanti. La difesa della Viterbese però si chiude bene: il dominio dei giallorossi si traduce sempre in cross che esaltano le doti aeree dei difensori laziali. Non è un caso che il pericolo maggiore lo crei Contessa con una bella punizione dal centro destra che termina in una bella parata di Daga. A tre minuti dal traguardo l’episodio più controverso del match: la difesa giallonera respinge un angolo, Garufo calcia e la palla finisce in area tra i piedi di Evacuo; il bomber campano viene trattenuto e al momento del tiro calcia piano tra le braccia del portiere; per l’arbitro il contatto è lieve e non c’è bisogno del rigore. Qualche secondo dopo non manca il brivido per Di Gennaro, con Baschirotto che stacca a pochi passi dalla porta ma conclude alto. L’ultima azione degna di nota di una partita dove il Catanzaro ha avuto le idee chiare fino agli ultimi venti metri di campo.

Print Friendly, PDF & Email
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com