8@30 in piazza

Due giovani italiani alla scoperta del Portogallo al seguito del giro ciclistico “A Volta”

PORTOGALLO – Due giovani italiani : Daniele Coltrinari e Luca Onesti sono cittadini del mondo che stanno inseguendo Passione e Bellezza per realizzarsi professionalmente. Daniele Coltrinari, giornalista freelance, si divide tra Roma e Lisbona. Ha scritto per L’agone, Paese Sera, Lettera 43 e Social Football. Luca Onesti è fotografo professionista; ha preso parte a diversi progetti fotografici e documentaristici in Italia, Spagna, Portogallo, Romania e Stati Uniti. In questi giorni, sono impegnati a seguire “A volta a Portugal” il giro ciclistico del Portogallo, con un occhio rivolto alla manifestazione sportiva e un altro alle bellezze paesaggistiche, culturali che s’incontrano nel Giro. Il Portogallo è una passione in comune; sono arrivati qui per la prima volta nel 2007, col progetto Erasmus. Faranno il viaggio in treno e per alcuni brevi tratti in bici. In Portogallo la bici sta diventando una moda ma anche un modo di vivere che le persone fanno loro per migliorare la quotidianità. Si stanno costruendo piste ciclabili e c’è una grande attenzione alla bici come sport e come mezzo di mobilità urbana, più leggera ed ecologica. Il Portogallo è un paese in gran parte rurale, e all’interno spopolato per la forte emigrazione; A Volta passa nella provincia portoghese più sconosciuta, proprio nel periodo in cui gli emigranti tornano nelle loro terre. Per loro è anche una maniera di fare autoformazione giornalistica. Il giornalismo di oggi è il giornalismo della velocità, le notizie si rincorrono senza lasciare traccia, e spesso i giornalisti sono solo il tramite per cui le notizie, impersonali e asettiche, scorrono senza fermarsi. I giornali tagliano le figure essenziali del giornalismo, i redattori, gli inviati e i fotografi, per dar spazio alle pubblicità e alle notizie più accattivanti, spesso copiate dal web.  Il loro obiettivo è quello di riuscire a coinvolgere chi ci vorrà leggerli, di portare anche solo un po’ il lettore in viaggio con loro, con i loro articoli e le loro foto.

Print Friendly, PDF & Email
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top