Calcio

Partita al cardiopalma al San Nicola: il Crotone la spunta per 3 a 2 in rimonta sul Bari

12654580_940717082678842_1718577499972121348_nNell’anticipo della 25ª giornata del campionato di Serie B ConTe.it il Crotone sfida il Bari al San Nicola. Gli squali faranno di tutto per aggiudicarsi la vittoria del match e per tenere la scia del Cagliari, in vetta alla classifica. Camplone sceglie il 4-3-3 con l’ex Dezi schierato sulla fascia sinistra, Juric opta per il consueto 3-4-3. Tridente contro tridente. Il Crotone parte con il botto e dopo solo 2 minuti segna il gol del vantaggio con Martella. Nella ripresa il gol di Maniero permette al Bari di pareggiare, mentre il rigore trasformato da De Luca fa sognare il San Nicola. Gli ultimi minuti sono decisivi per i ragazzi di Juric che trovano prima il pareggio grazie al rigore messo a segno da Torromino e poi la vittoria con il solito e decisivo Budimir. La partita si chiude sul risultato finale di 3 a 2 in favore dei rossoblu, che si riportano momentaneamente in testa alla classifica.

Il calcio d’inizio è battuto dalla formazione ospite alle 20.30. Il Crotone inizia con grande personalità e infatti, dopo solo 2 minuti di gioco, va a rete con Martella servito con un cross dalla destra di Ricci: il numero 24 rossoblu era giunto sul secondo palo in corsa e aveva sorpreso la difesa biancorossa, ma non il compagno di squadra che lo ha servito prontamente. Partenza col botto al San Nicola, Bari 0-Crotone 1. I galletti provano a reagire e all’11’ trovano il gol del pareggio grazie a Maniero, gol che poi l’arbitro annulla per off-side. I padroni di casa, però, non mollano la presa e si rendono pericolosi subito dopo con la traversa di Rosina; solo Cordaz mette fine alle giocate dei padroni di casa con una splendida parata su Valiani. Un altro miracolo dell’estremo difensore crotonese nega il gol del pareggio a un Bari che sembra non aver accusato quasi per nulla il gol del vantaggio dei pitagorici. Al 22′ Stoian cerca la profondità per Martella che scarta l’avversario e mette al centro, ma Guarna blocca. I ritmi di gioco sembrano ritornare nella norma dopo i primi venti minuti di gioco. La panchina crotonese è costretta a effettuare il primo cambio del match al 29′: Yao esce in barella per problemi fisici; entra Zampano e Balasa scende a coprire il ruolo del difensore ivoriano. La new entry entra subito nello spirito della partita e, al 33′, mette in mezzo per Budimir che non sbaglia e mette in rete; l’arbitro annulla per presunta posizione di fuori gioco di Zampano, ma sia lui che l’attaccante croato erano in posizione regolare. Il risultato rimane, quindi, fermo sull’1 a 0 per il Crotone. La voglia di vittoria degli squali non si scalfisce e ci provano ancora: al 43′ Ricci serve con un cross Budimir che colpisce di testa, ma Guarna para ancora. Il primo tempo si conclude sul risultato parziale di 1 a 0 a favore dei rossoblu e dopo 2 minuti di recupero.

Nella ripresa Camplone effettua il primo cambio: Cissokho per Jakimovski. I padroni di casa battono palla e guadagnano il loro primo calcio d’angolo. La prima fiammata arriva al 6′ della ripresa: Cissokho scambia sulla fascia, ma sulla palla non arriva nessuno. Un minuto dopo il Bari trova il gol che vale il pareggio grazie alla rete di Maniero: Cordaz respinge un destro di Valiani, ma Maniero arriva sulla ribattuta e spedisce in rete. Bari 1-Crotone 1. I rossoblu non perdono tempo e ci provano subito con Ricci, ma Guarna non si fa sorprendere e blocca. Al 56′ Ricci si fa vedere di nuovo in area di rigore avversaria, ma il portiere biancorosso para ancora. Momento difficile per la squadra ospite che deve riorganizzare le idee, mentre il Bari mantiene il possesso palla e il controllo del match. La partita per i rossoblu si complica ulteriormente al 64′: Balasa entra in scivolata su De Luca in area di rigore e l’arbitro decreta un calcio di rigore a favore dei padroni di casa. Sul dischetto va De Luca, di origini crotonesi, che segna il gol del 2 a 1; Cordaz non può niente sul destro a incrociare del numero 10. Bari in vantaggio in rimonta. Ma i ragazzi di Juric non ci stanno e dopo due minuti rispondono con un gran sinistro di Ricci che Guarna para miracolosamente. Al 74′ sugli sviluppi di un corner, battuto da Rosina dalla sinistra, Maniero colpisce la traversa. Il Crotone si avvicina al pareggio al 76′ quando Martella colpisce il palo con un sinistro da fuori area; dopo tre minuti anche Torromino ci prova, ma la palla sfiora la traversa. Altro miracolo di Guarna su Budimir all’82’. I pitagorici sembrano aver ritrovato la sicurezza e vogliono la vittoria a tutti i costi. L’occasione per pareggiare arriva all’84’: Guarna commette fallo su Budimir in area, Pasqua estrae il rosso per il portiere biancorosso e assegna un rigore al Crotone. Camplone ha terminato i cambi e Guarna consegna i propri guantoni a Maniero. A prendersi la responsabilità del tiro è il neo entrato Torromino: destro che si infila in rete e che vale il pareggio per gli ospiti. Bari 2-Crotone 2. Il quarto uomo segnala 4 minuti di recupero durante i quali il Club crotonese ci crede e si porta in attacco. Al 92′ il cross dalla destra di Ricci è l’opportunità che i rossoblu aspettano e che gli consente di agguantare la vittoria: dopo un mezzo miracolo di Maniero, Budimir riesce a insaccare facilmente. Al San Nicola termina sul punteggio finale del 3 a 2 per la formazione ospite che si porta a 54 punti e temporaneamente in vetta alla classifica.

Partita difficile, come da pronostico, ma sorprendente sia per intensità che per lo spettacolo che ha offerto a tutti i tifosi. Il Crotone vince in rimonta dopo essere andato per primo in vantaggio con la rete di Martella. Una prova di grande coraggio per entrambe le squadre che hanno dimostrato di voler la vittoria a tutti i costi.

TABELLINO

BARI: Guarna; Donkor, Tonucci (71′ Romizi), Rada, Jakimovski (46′ Cissokho); Defendi, Gentsoglou (59′ Dezi), Valiani; Rosina, Maniero, De Luca. A disp: Micai, Gemiti, Minala, Boateng, Puscas, Sansone. All. Camplone

CROTONE: Cordaz; Yao (29′ Zampano), Claiton, Ferrari; Balasa (74′ Palladino), Capezzi, Barberis, Martella; Ricci, Budimir, Stoian (76′ Torromino). A disp: Festa, Cremonesi, Salzano, Paro, Di Roberto, De Giorgio. All. Juric

Arbitro: Pasqua di Tivoli
Assistenti: Tolfo di Pordenone e Oliveri di Palermo
Quarto uomo: Marini di Roma

Reti: 3′ Martella (C), 53′ Maniero (B), 65′ De Luca (B) su rigore, 85′ Torromino (C) su rigore

Ammoniti: Ricci (C), Donkor (B)

Espulso: 84′ Guarna (B) per fallo da ultimo uomo su Budimir

Angoli: 4-6

Rec: 2’pt, 4’st

di Patrizia Palermo

Print Friendly, PDF & Email
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top