Cultura&Spettacolo

Centenario della Grande Guerra

Martedì 4 novembre alle ore 21:00 nel centro storico di Cosenza, presso l’Officina delle Arti, è in programma “Patrie contro. Un secolo fa la Grande guerra”, l’incontro ideato e condotto da Ugo G. Caruso che si presenta come un’originale rievocazione del primo conflitto mondiale nella ricorrenza del suo centenario ma che vuole essere anche una controcelebrazione della tradizionale festa delle Forze Armate, all’insegna di una radicale critica antimilitarista ed antiautoritaria alle tesi belliciste e alla retorica patriottarda. La serata prevede un’introduzione di Vittorio Cappelli, docente di Storia contemporanea all’Università della Calabria, e di Adolfo Noto, docente di Storia del pensiero politico all’Università di Teramo, cui seguirà la riproposizione di “Uomini contro”, film del 1970 di Francesco Rosi che fu al centro di aspre polemiche e destò pareri discordi nella destra e nella sinistra. Il film, girato in Jugoslavia e ispirato al romanzo autobiografico “Un anno sull’altopiano” di Emilio Lussu, si avvalse di un cast d’eccezione: Gian Maria Volontè, Mark Frechette, Alain Cuny, Franco Graziosi, Pier Paolo Capponi, Gianpiero Albertini, Mario Feliciani, Daria Nicolodi, Brunetto Del Vita, ecc. Anche grazie agli apporti artistici di Piero Piccioni per la musica, Pasqualino De Santis per la fotografia, Andrea Crisanti per la scenografia e Ruggero Mastroianni per il montaggio, “Uomini contro” resta tra i titoli più importanti tra quanti nella storia del cinema trattarono la Prima Guerra mondiale. L’incontro offrirà pure l’occasione per valutare le ragioni di quelle lontane polemiche legate al film e ormai passate al vaglio della Storia.

Print Friendly, PDF & Email





To Top