Società&Partecipazione

Unical, nasce il movimento giovani e università

Cosenza – «Noi restiamo in Calabria!». Non è una minaccia, ma il grido di battaglia del “Movimento giovani e università” fondato da Ernesto De Stefano, giovane studente di giurisprudenza dell’Università della Calabria e vicepresidente del Cds (Consiglio degli Studenti). Il Movimento apartitico, nato 2 giorni fa e al quale hanno aderito già moltissimi studenti, si pone come obiettivo il cambiamento e il rinnovamento di tutta la regione ad iniziare dall’Unical centro nevralgico della cultura calabrese.

 

 

Presidente De Stefano, come nasce questo Movimento?

Nasce dalla voglia di andare avanti e non fermarsi mai. Ho notato una forte voglia di partecipazione  e di confronto sui problemi che ci sono nei vari territori calabresi. Lo scopo del nostro Movimento è quello di risolvere i problemi della


I giovani in Calabria trovano sempre meno spazio, perché?

È vero. I giovani vengono considerati poco, anche se i giovani calabresi hanno voglia di partecipare e confrontarsi. Come si spiega che qui molti studenti dopo la laurea non trovano lavoro, poi vanno fuori e diventano delle eccellenze? Bisogna partire proprio da qui, dalla meritocrazia. Alla presentazione del Movimento c’erano più di trenta persone, tutti studenti che studiano per rimanere qui in Calabria. Bisogna eliminare la concezione che solo i raccomandati vanno avanti. E per farlo bisogna partire dalle idee, dal merito.

 

Cosa deve cambiare?

Bisogna abbassare le tasse e dare la possibilità a tutti di studiare. Se noi giovani lottiamo in Calabria un futuro è possibile,ma bisogna lottare uniti. La Calabria offre grandi possibilità, dobbiamo riconoscerle e investire in queste. Per aderire al movimento o semplicemente per richiedere informazioni basta mandare un email a destefanoernesto@virgilio.it

Gaspare Guzzo Foliaro

 

Print Friendly, PDF & Email





To Top