Altri Sport

La Tonno Callipo di Oleg Antonov

LAMEZIA TERME (CZ) – Primo allenamento con la palla della nuova settimana di preparazione per la Tonno Callipo Calabria Vibo Valentia e prima apparizione tecnica, dopo il lavoro svolto in sala pesi, anche per Oleg Antonov. Il martello italo-russo, arrivato a Vibo Valentia settimana scorsa, si sta già ambientando nel migliore dei modi nella nuova realtà che lo vedrà protagonista con la casacca giallorossa nel prossimo campionato di SuperLega UnipolSai. Dopo la lunga estate trascorsa con la nazionale italiana tra World League, Europeo e World Grand Champions, il posto 4 ex Trento è pronto a prendere già da ora per mano la sua nuova squadra, lui che sarà la principale punta di diamante dell’attacco giallorosso nella batteria degli schiacciatori a disposizione di coach Tubertini. Un acquisto a lungo atteso il suo anche dai tifosi che per oltre un mese, da fine maggio fino allo scorso 8 luglio, hanno trepidato fino all’annuncio ufficiale. Tanta l’attesa, tante le aspettative di un ambiente già pronto a coccolarlo e non potrebbe essere altrimenti guardando, in primo luogo, alla sua carriera, al suo percorso pallavolistico anche più recente che lo ha visto protagonista nel ruolo di titolare nelle tre competizioni giocate con la maglia azzurra.

Un’estate in crescendo quella del martello italo-russo, coronata con delle grandi prestazioni nella Grand Champions Cup, competizione che lo ha visto piazzarsi al quinto posto nella classifica dei bomber, e, soprattutto, al primo posto nella classifica dei migliori battitori con 11 ace realizzati. E prima della seduta pomeridiana imperniata sulla tecnica, Oleg Antonov ha pronunciato le sue prime parole giallorosse al microfono di CALLIPOVOLLEYTV, il canale YouTube ufficiale della società giallorossa presieduta da Pippo Callipo. 

Le prime impressioni a Vibo

«Grazie per la bella accoglienza e per il calore ricevuto – ha esordito Oleg Antonov –arrivo da un estate ricca di impegni, complicata. Abbiamo lottato e giocato da squadra unita e alla fine è arrivato un risultato importante nella Grand Champions Cup dopo un Europeo che non è andato come speravamo». Sull’inserimento con il suo nuovo gruppo: «Sto iniziando a conoscere i nuovi compagni e ad allenarmi, dovremo trovare l’amalgama nel nostro gioco anche perché sarà una stagione complicata con tante belle squadre e sono sicuro che ci sarà da lottare». Particolare il feeling con il Palavalentia per lo schiacciatore italo-russo che in passato più volte si è reso protagonista di grandi prestazioni da avversario dei giallorossi: «Mi sono sempre trovato molto bene in questo palazzetto sia come ambiente proprio fisico, sia perché qui ho giocato la mia prima partita da titolare in Serie A1 con la Sisley Treviso vincendo in casa della Tonno Callipo al tie-break”. Chiosa finale sull’ormai celeberrimo gesto di esultanza finale sfoggiato soprattutto nelle partite dell’Europeo in Polonia: “Sì – ha concluso Antonov – è stato un gesto di esultanza spontaneo per le mie due figlie che mi hanno seguito in tv».

Print Friendly, PDF & Email





To Top