Cultura&Spettacolo

Cosenza, un murales in memoria del cabarettista Totonno Chiappetta

COSENZA – Il 13 giugno sarà inaugurato in viale della Repubblica a Cosenza il Murales dedicato a Totonno Chiappetta. L’opera, che sorgerà accanto ai Murales di Gigi Marulla e Giuseppe Faraca, è stata finanziata da Hobby Color che negli ultimi anni ha già firmato tre Murales nella città bruzia: Bergamini nella curva Sud dello stadio San Vito – Marulla, personaggi e simboli di Cosenza, nel primo lotto di via Popilia, Mario Gualtieri sul muro di cinta del Palazzetto Casali.

“Un nuovo sogno sta per realizzarsi: dopo mesi di attesa forzata, false illusioni e speranza di poter ripartire, finalmente potremo regalare alla città di Cosenza un posto dove poter ritrovare l’arte e la comicità di un grande uomo e attore che nella nostra città ha lasciato il segno”- ha dichiarato Federico Morabito, titolare della Hobby Color.

A guidare l’idea e la realizzazione del Murales l’amore per Cosenza che l’azienda Hobby Color esprime da sempre attraverso l’arte, dando colore a zone urbane trascurate. “Con il progetto del Murales abbiamo voluto trasformare un luogo di passaggio, viale della Repubblica, in un luogo in cui fermarsi, ritrovare la profonda leggerezza di Totonno, quella con cui ci ha fatto sorridere ed emozionare, riflettere sull’amore.” aggiunge Federico Morabito. A curare la realizzazione del Murales anche stavolta la ditta Garritano, che si è occupata dei lavori, e l’artista Matteo Zenardi di Baboon che ha firmato il Murales.

Totonno, il cabarettista cosentino

Totonno meritava uno spazio nel cuore di Cosenza. Il legame con la città e la sua gente l’ha sempre riportato a casa, nonostante il suo successo. Comico, cabarettista, attore di teatro e del cinema, Totonno ha recitato a New York con la compagnia “I Giullari di piazza”, è stato protagonista in “Pulcinella e Jugale” di Casalini, Capponi e Chiappetta. Ha lavorato con il regista Massimo Masini nella “Casa di pietra” di Vincenzo Ziccarelli. Ha riempito il Petrarca di Arezzo, con il “Re nudo” di Schwarz e ha vinto il Castello d’oro, importante premio teatrale, interpretando Tonio ne “I Pagliacci”, e Basilio nel “Barbiere di Siviglia”.

Nel ‘87, insieme a Carlo Napoletani inizia le prime rappresentazioni nelle carceri di Cosenza, dove per oltre 15 anni è riuscito a far entrare arte e cultura, a farsi apprezzare per la sua spontaneità. Anche per questo è stato definito attore sociale. “Nel perseguire l’abbellimento di alcune zone urbane di Cosenza, rendiamo omaggio a personaggi di spicco per la nostra cultura e che ci rappresentano di più, e Totonno è senz’altro tra questi!” – conclude Federico Morabito. Appuntamento il 13 giugno alle ore 19.00 in viale della Repubblica.

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com