Cultura&Spettacolo

Torano si trasforma in una “fabula” grazie a Cristina D’Avena

FB_IMG_1468411713446TORANO (CS) – Non avrebbero desistito neanche se Cristina d’Avena, la regina dei cartoni animati più belli di tutti i tempi, ieri ospite a Torano,  fosse arrivata con un giorno di ritardo. Sorriso smagliante, voce e aspetto fisico inalterati nel tempo, la cantante ha condotto verso le battute finali, il saggio di fine anno dell’Art Show Dance Academy, la scuola di danza e spettacolo  diretta da Giuseppe Ferraro, Lucia Amodio e Mafalda Ferraro , che da anni, oramai, raccoglie successi e consensi dentro e fuori dalla Calabria. Tre sedi fisse, undici anni di spettacoli e un corollario di riproduzioni  che, nel tempo, hanno accresciuto il valore dell’Accademia al punto da favorirne la partecipazione ad alcune trasmissioni televisive nazionali.

Proprio ieri, nella storica piazza di  Torano Scalo, davanti ad un pubblico gremito degno di un concerto di Vasco Rossi, per più di quattro ore, è andato in scena “Fabula”, il cui obiettivo, dichiaratamente espresso da Ferraro, è stato quello di “traghettare gli adulti in  un sogno magico, aiutandoli a sentirsi, almeno per una sera, ancora un po’ bambini”. Un intento perfettamente riuscito, seppure  nei tempi decisamente lunghi e con qualche problematica di organizzazione, legata all’assenza di controllo nel pubblico che, in alcuni casi,  incurante delle proteste dei presenti seduti per visionare lo spettacolo, ne ostruiva la vista davanti al palco. Inconvenienti del mestiere, direbbe qualcuno, segno tangibile, quantomeno, dell’interesse e dell’attenzione che questa scuola professionale, riesce a raccogliere. A stupire, nel corpo di ballo, i più piccoli. Originali, musicali, precisi e talentuosi, hanno dato prova di grande professionalità, aspetto spesso lesinante nelle scuole di danza del sud, altra testimonianza della passione e della precisione che anima i  docenti,invece, dell’accademia. Magici i costumi e frizzanti le coreografie, soprattutto quelle dedicate al mondo delle fiabe, tra le quali  Peter Pan” e Maleficent. Cris D'avena

Un successo acclamato e previsto, data la fama dell’ Art Show Dance e il gran numero di iscritti presenti, amplificato dal desiderio, esploso anche sui social, di incontrare la beniamina di tutti i tempi, Cristina D’Avena. Un modo in più per tornare bambini, un desiderio persino più evidente negli adulti che nei fanciulli. L’icona di grandi e piccini  ha regalato attimi di spensieratezza e sorrisi, in un viaggio indietro nel tempo, intonando le note di “Jhonny, Memole, Pollon, Sailor Moon, Lady Oscar, Dragon Ball, Doraemon, Occhi di gatto, Kiss me Licia, Rossana” e tante altre ancora. Per lei solo applausi e cori da stadio, proprio come in ogni fabula che si rispetti.

Lia Giannini

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top