In Evidenza

Cassazione, cartelli stradali invalidi solo se fantasma

FIRENZE – I cartelli stradali dovrebbero portare sul retro gli estremi dell’ordinanza che ne stabilisce l’installazione. Un’ordinanza della Corte di Cassazione (n.25771 del 15/11/2013) ha stabilito che non basta che manchi l’indicazione per annullare la multa, ma occorre dimostrare che manca l’ordinanza dell’amministrazione o la stessa sia viziata, per cui ha
rinviato il tutto al Tribunale che’ accerti il dovuto. La Cassazione, in assenza di norme che sanzionino la mancanza di questa indicazione, ha deciso di dare questa interpretazione “pro-amministrazione”. Ma avrebbe, al contrario, potuto dire che l’assenza dell’indicazione rendeva nulla la multa in virtu’, per esempio, che sarebbe stato leso il diritto di difesa del ricorrente, non essendo presenti le informazioni sufficienti ad individuare la liceita’ del cartello stradale.

Cosa se ne deduce da questa sentenza e, soprattutto da questa norma del Regolamento del Codice della Strada? Lo Stato ha sempre ragione? Parrebbe di si’, per l’interpretazione della Cassazione e, soprattutto, per la norma in se’, che stabilisce un principio, ma nulla indica per le sanzioni in assenza dello stesso. Stante questa logica, quando non mostriamo sull’automobile il pagamento della assicurazione o l’avvenuto pagamento della sosta in zona regolamentata, l’autorita’ che eleva contravvenzione dovrebbe dimostrare che il pagamento non e’ in assoluto avvenuto. Invece no! Non e’ cosi’. E per questo che i giudici di Cassazione, stante la carenza sanzionatoria della norma, hanno affermato che lo Stato ha sempre ragione. Infatti, il Codice della Strada prevede la multa per mancata esposizione dell’assicurazione e, in piu’, quella per mancato pagamento. Non solo, ma la norma, relativamente alla mancata esposizione del pagamento del parcheggio, e’ ancora piu’ severa: la mancata esposizione equivale al non-pagamento.
Lo Stato, quindi, ha sempre ragione, grazie al fatto che la legge non e’ uguale per tutti.

Print Friendly, PDF & Email
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top