8@31

Presentato il corso di formazione per la figura di Tutori volontari per minori

COSENZA – Si è svolta questa mattina la conferenza stampa di presentazione del corso di formazione per un elenco di tutori volontari della circoscrizione del Tribunale di Cosenza, presso la Biblioteca dell’ordine degli avvocati di Cosenza. Erano presenti, oltre al Garante dell’Infanzia, Marilina Intrieri, anche il presidente della II Sezione Civile del Tribunale di Cosenza, Rosa Scotto Di Carlo, l’avvocato Claudio De Luca, professore del corso di formazione e coordinatore del comitato scientifico, di cui fanno parte gli avvocati Luigi Viola e Massimiliano Coppa. Il corso di formazione è volto a selezionare un gruppo di persone motivate nella tutela delle fasce più deboli. Il minore che va incontro alle varie problematiche che posso insorgere nell’ambito familiare ha il diritto di essere tutelato e accompagnato nei centri sociali da figure capaci di garantire un’adeguata assistenza, per far sì che i bambini possano essere inseriti in un contesto sociale dignitoso. La conferenza si è incentrata sulla figura del tutore, figura di riferimento per il minore, colui che deve fare da “raccordo” tra le parti, così come ha affermato il Presidente della II Sezione Civile del Tribunale di Cosenza, Rosa Scotto Di Carlo. “La categoria dei minori – ha dichiarato Rosa Scotto di Carlo – è quella che merita più attenzione. E non bisogna tralasciare la carenza di strutture territoriali: dobbiamo superare l’atteggiamento d’indifferenza in cui la nostra regione si chiude, e la conseguente situazione di sostanziale abbandono. Questo è un settore – continua la Di Carlo – che merita dedizione e passione, e la figura del tutore funge da raccordo tra il minore bisognoso di assistenza e l’intervento giudiziario. Esso ha il compito di ottimizzare la soluzione dei problemi sociali. Il mondo dei minori è senza alcun dubbio di assoluta

Manfredo Piazza e Rosa Scotto Di Carlo

delicatezza, e va approcciato senza sottovalutazioni”. “Inoltre – ha continuato la Di Carlo – il tutore deve mediare tra le figure istituzionali, il giudice minorile e il minore, e fornire il quadro della situazione in cui vive il minore, e fornire al giudice gli strumenti necessari al fine di migliorare la situazione di quest’ultimo”. L’elenco, risultato di un bando pubblico, è promosso dal Garante dell’Infanzia e dell’Adolescenza della Regione Calabria, Marilina Intrieri, e dal Comune di Cosenza, rappresentato dall’assessore alle Politiche Sociali, Avv. Manfredo Piazza, il quale ha affermato che “nonostante le difficoltà economiche in cui versa il comune, si sta provvedendo a creare infrastrutture volte al sostegno dei minori, per garantire loro i servizi minimi. Il quadro delle figure professionali capaci di occuparsi di questi problemi – ha aggiunto – è un elemento molto importante e in passato c’è stato un eccesso di queste figure, non gestite nel giusto modo”. L’iniziativa del Garante è volta a selezionare e formare persone disponibili ad assumere la tutela legale di un bambino o di un adolescente, i cui genitori siano decaduti o non siano nella condizione di esercitare la responsabilità genitoriale. Il corso di formazione si svolgerà dal 5 al 7 novembre, con colloquio finale previsto per venerdì 8. A conclusione dell’esame sarà costituito l’elenco dei tutori volontari per il circondario di Cosenza. “L’elenco di tutori volontari per minori di età (ex LR 28/2004 art 2 comma o) – ha ricordato la Intrieri – sarà messo a disposizione del giudice competente dal Garante dell’Infanzia della Calabria. Bisogna essere vicini ai minori – ha concluso –, prestando loro ascolto, protezione e partecipazione”.

Maria Grazia Mercurio
Maria Simona Gabriele

Print Friendly, PDF & Email





To Top