8@30 in piazza

Gervasi: “Maggiore controllo sulle concessioni del suolo pubblico”

stemma cosenza

stemma cosenzaCOSENZA, 10 Lug 2012 – La Commissione Attività economiche e produttive, presieduta da Luca Gervasi, ha preso spunto, in una delle ultime riunioni, dalle lamentele di un cittadino in merito all’assegnazione di suolo pubblico e ad una richiesta di voltura, per approfondire il fenomeno dell’abusivismo, cattiva pratica che non risparmia la nostra città.
“Grazie a tutti i suoi consiglieri – dichiara Luca Gervasi – la Commissione che ho l’onore di presiedere sta svolgendo il suo ruolo istituzionale in modo puntuale e costruttivo, affrontando le problematiche che interessano la crescita economica urbana della città”.
Sulla vicenda del cittadino, ospitato in Commissione,  il Presidente Gervasi si è appellato all’avvocatura comunale che nella seduta odierna, tramite l’avv. Agostino Rosselli, ha portato più di un elemento chiarificatore. “Il parere dell’avvocatura – afferma Gervasi – ha messo in luce gli abusi perpetrati nel tempo a fronte di un regolamento che prevede delle restrizioni, quali l’impossibilità alla sub concessione del permesso ottenuto, che è strettamente personale, così come l’esclusione del tacito rinnovo per le occupazioni permanenti. Inoltre, il regolamento prevede espressamente le ipotesi di decadenza e di estinzione della concessione”.

Un confronto proficuo che, al termine della seduta, ha indotto la Commissione a concludere che “all’Amministrazione comunale deve essere consentito di esercitare un effettivo controllo sulle attività esercitate sul suolo pubblico della nostra città, anche in ordine ad eventuali nuove localizzazioni degli spazi ed aree pubbliche su cui consentire le attività commerciali stesse. Pertanto il lavoro della IX Commissione AA.EE.PP. mette in chiaro che le concessioni del suolo pubblico prevedono un continuo controllo da parte degli uffici comunali per evitare abusi che questa Amministrazione comunale non consentirà”.

Ufficio Stampa Comune di Cosenza

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top