8@30 in piazza

Riaperto al traffico il tratto di via Romualdo Montagna che collega la città con i comuni limitrofi

comune di cosenza

COSENZA – Dalle 16,00 di oggi è stato riaperto al traffico il tratto di via Romualdo Montagna che collega Cosenza con i comuni limitrofi, dopo l’interruzione dei mesi scorsi dovuta ad un movimento franoso che aveva causato notevoli disagi ai cittadini della zona e a quelli residenti nell’hinterland di Cosenza.

A darne notizia, il settore Infrastrutture del Comune di Cosenza che ha supervisionato tutti i lavori di messa in sicurezza del costone roccioso interessato dal movimento franoso.

La riapertura al traffico è avvenuta dopo un lavoro di assoluta complessità che ha richiesto il posizionamento di una rete di protezione estesa lungo tutto il costone, chiodata alla roccia e assicurata con tiranti e funi in acciaio.

Sulla sommità è stata inoltre posizionata un’altra rete para-massi che si sviluppa in modo continuo lungo tutto il costone roccioso.

“L’Amministrazione comunale – ha sottolineato il Sindaco Mario Occhiuto – ha velocizzato al massimo, per quanto consentito dalla complessità dei lavori di messa in sicurezza, l’iter procedurale che possiamo dire essersi concluso a tempo di record. Abbiamo inizialmente reperito le somme necessarie, circa 300 mila euro, redatto il progetto, ottenuto le diverse autorizzazioni, bandito la gara che abbiamo provveduto ad aggiudicare ed eseguito i lavori.

L’evento franoso che ha interrotto la strada ha richiesto il consolidamento della parte alta – ha spiegato ancora il Sindaco Occhiuto – con l’intervento di operai-rocciatori altamente specializzati che sono dovuti salire sulla sommità del costone, ad un’altezza di oltre dieci metri. Operazioni che hanno richiesto il tempo necessario e che non si possono, come è comprensibile, esaurire in un batter d’occhio, soprattutto quando c’è di mezzo la tutela della incolumità pubblica.”

Il dirigente del settore Infrastrutture Domenico Cucunato ha inoltre spiegato l’impossibilità di aprire la strada prima di oggi proprio per ragioni di sicurezza, attesa la particolarità del movimento franoso che aveva innescato, dall’esito della perizia geologica condotta, fenomenologie geodinamiche di crollo. L’odierna riapertura alla circolazione certifica l’ultimazione dell’intervento di posa delle reti metalliche con la conseguente chiodatura di ancoraggio e la stabilizzazione della struttura contenitiva.

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top