Enogastronomia

Passulate calabresi, il “dolce” portafortuna per il 2017

Messe da parte le abbondanti cene dell’antivigilia di Natale, della vigilia e del venticinque Dicembre, eccoci pronti per il cenone di Capodanno.

Il mondo è bello perché è vario, e lo è nella lingua, nei dialetti, nelle tradizioni popolari, culturali e gastronomiche. A tavola in ogni posto del mondo si festeggia  l’ultimo dell’anno in maniera differente, portando sulle tavole dal pesce alla carne, dalla verdura ai formaggi, e poi ancora i dolci classici del pandoro o del panettone, spumante o champagne. Insomma l’imbarazzo della scelta c’è, eccome.

In vista del prossimo cenone di questo lungo mese di feste, ecco che arriva la vigilia di capodanno dove, anche in Calabria, la tavola si arricchisce pietanze a base di carne e pesce a partire all’antipasto di salumi e formaggi a cui segue un primo a scelta tra pasta con ragù di maiale oppure una più leggera minestra di verdure miste. Tra i secondi degni di nota nelle varie zone calabresi, il pesce accompagnato ad un contorno di broccoli, oppure del capretto al forno. Tra i dolci, i fichi al cioccolato e le mitiche “Passulate calabresi” che chiudono il pasto della tradizione. Non possono assolutamente mancare per il veglione di San Silvestro alcune pietanze ricche di simbologia. Tradizione vuole che la notte del trentuno dicembre si mangino le lenticchie, perché come tutti i legumi, simboleggiano l’abbondanza. L’uva passa pare che porti fortuna economica per il nuovo anno. Il melograno rappresenta invece la fedeltà tra i coniugi, quindi simbolo di un legame indissolubile. Lo zampone e il cotechino promettono un nuovo anno ricco di prosperità vista l’abbondanza e la poca magrezza del maiale. Infine i fichi secchi portano un po’ di dolcezza. Insomma ce n’è per tutti i gusti. Chi vuole lasciarsi cullare dalla tradizione, chi vuole trasgredire e chi cerca, anche nella tavola e nel cibo, riti propiziatori per l’anno che verrà.

Di seguito la ricetta delle passulate, biscotti che fanno parte della tradizione della cucina calabrese e che vengono preparati durante le festività di Natale e Capodanno.

Ingredienti per le Passulate calabresi:

Nocciole Tostate E Spellate: 250 Gr

Mandorle Tostate E Spellate: 250 Gr

Uvetta Sultanina: 400 Gr

Cannella In Polvere: 1 Cucchiaio

Chiodi Di Garofano: Qb

Farina: Qb

Miele: Qb

Limone: 1

Olio d’oliva: 2 Cucchiai

Procedimento:

Prendete un tagliere e usando la mezzaluna fate un trito di nocciole, mandorle, uvetta sultanina e scorza di limone, poi aggiungete cannella e i chiodi di garofano tritati, mescolate il tutto e poi aggiungete farina e miele quanto basta per avere un composto omogeneo. Stendete il composto con un mattarello e fate una sfoglia di un centimetro, poi tagliate i biscotti a forma di quadrati e losanghe, metteteli su una teglia oliata e cuoceteli in forno caldo a 180°C per 30 minuti circa.

Servite i biscotti quando si saranno raffreddati.

Anna Maria Schifino

Print Friendly, PDF & Email

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com