8@31

Ospedali di Praia a Mare e Trebisacce Riunione con il presidente Oliverio

th (32)

Ospedale di Trebisacce

th (33)

Ospedale di Praia a Mare

Gli ospedali di confine regionale di Trebisacce e Praia a Mare, in provincia di Cosenza,  sono stati al centro di una riunione convocata questa mattina a Catanzaro, nella sede della Regione, dal presidente Mario Oliverio, accompagnato da Franco Pacenza,  con  il commissario per il piano di rientro della sanità Massimo Scura, il sub commissario Andrea Urbani, il commissario dell’Asp di Cosenza Gianfranco Filippelli ed i  sindaci oltre che delle due città della costa jonica e di quella tirrenica, anche di Tortora, Canna, Cerchiara di Calabria, Plataci, Castroregio. Amministratori tutti che hanno espresso netta contrarietà alla chiusura dei due nosocomi. Anche l’incontro odierno- è detto in una nota dell’Ufficio Stampa della Giunta Regionale-  si inquadra nella  ricognizione che il presidente Oliverio affiancato dal commissario Scura sta portando avanti nell’insieme delle strutture ospedaliere calabresi, utilizzando rigorosamente la metodologia dei “percorsi omogenei”.“I presidi sanitari di confine- ha affermato Oliverio- hanno una loro catalogazione nella stessa programmazione sanitaria nazionale, considerato che insistono sulle aree a più alto rischio di emigrazione anche per una ragione squisitamente geografica. Nelle esperienze di altre regioni si è sistematicamente rafforzata l’offerta sanitaria proprio per evitare o limitare il rischio dell’emigrazione passiva. In Calabria si è scelta la strada più errata: i presidi di confine sono stati chiusi e con servizi ridotti ad assoluta insufficienza. Tale scelta ha prodotto un fortissimo aumento dell’emigrazione sanitaria verso le regioni confinanti o di prossimità, Basilicata, Puglia, Campania, anche per prestazioni di media complessità e persino per la stessa diagnostica.  Questo stato di cose va profondamente modificato. Bisogna rafforzare i servizi nei presidi di confine, a partire dall’emergenza- urgenza, diagnostica, osservazioni del paziente, integrazione con l’ospedale spoke di riferimento.” Nell’ambito della riunione lo stesso commissario Scura ha riconosciuto l’incongruenza delle scelte operate, ma ha contemporaneamente  chiesto un necessario approfondimento per poi proporre i necessari correttivi. Su sollecitazione dello stesso presidente della Regione è stato concordato, in attesa di una riorganizzazione  sistematica della medicina generale della continuità assistenziale, cioè le guardie mediche, di sospendere l’efficacia della delibera adottata dall’Asp di Cosenza. Il presidente Oliverio, chiudendo l’incontro, ha riconfermato la volontà di modificare lo stato attuale delle cose, rassicurando i sindaci e le stesse popolazioni interessate. “Senza immaginare ritorni al passato che non sono assolutamente proponibili- ha evidenziato-,  ma per la peculiarità dei territori oggi rappresentati ed anche per una utilità sulla stessa finanza regionale, bisogna costruire sistemi integrati che garantiscano servizi  e tutele oggi inesistenti.”

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com