Attualità

Formare docenti universitari sulle tematiche dell’inclusione per studenti con disabilità intellettive: c’è TUT4IND!

RENDE (CS) – È in corso la due giorni della prima Assemblea generale del progetto TUT4IND, che mira a formare i docenti universitari sulle tematiche dell’inclusione per studentesse e studenti con disabilità intellettive. Il progetto è maturato all’interno del Dipartimento di Matematica e Informatica dell’Università della Calabria in partnership con l’Universidad de Burgos. 

«Nonostante le difficoltà che stiamo vivendo – spiega Antonella Valenti, professore ordinario di Pedagogia e Didattica speciale presso l’Università della Calabria – credo che portare avanti progetti di inclusione rimanga un compito fondamentale. Anzi, assume, ora, una particolare rilevanza, visti i cambiamenti e le sfide che il sistema educativo sta affrontando. Siamo orgogliosi di essere partner di questo progetto, che si concentra su un tema cruciale, come più volte evidenziato nei documenti internazionali e, in particolare, nella Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità.  Sono sempre di più, infatti, gli studenti con disabilità intellettiva e con difficoltà di apprendimento, che decidono di intraprendere il percorso universitario. Tuttavia, i professori universitari spesso non sono consapevoli delle caratteristiche e dei processi di apprendimento di questi studenti e questa mancata conoscenza può rappresentare, molto spesso, una barriera. Sia la letteratura nazionale che quella internazionale mostrano chiaramente quanto sia alto il rischio di drop out tra gli studenti con disabilità e disturbi specifici dell’apprendimento, soprattutto dopo il primo anno di università. Questo progetto mette in luce un tema spesso tenuto in ombra, la formazione dei docenti universitari per garantire l’inclusione degli studenti con disabilità intellettiva e, soprattutto, per progettare a priori metodologie e materiali didattici accessibili a tutti, sulla base dei principi dell’Universal Design for learning».

 

Print Friendly, PDF & Email
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top