Attualità

Polifunzionale Unical, RèF denuncia la situazione

ARCAVACATA DI RENDE (CS) – Diverse le problematiche che giorno dopo giorno emergono all’interno delle aule dell’Unical. Questa volta a protestare sono i rappresentanti degli studenti del Dipartimento di Scienze Politiche e Sociali e del Dipartimento di Farmacia e Scienze della Nutrizione di Rinnovamento è Fututo, che hanno inteso evidenziare  le criticità e le condizioni nelle quali sono costretti a vivere i ragazzi, e non solo, che ogni giorno si recano nel Polifunzionale.

unnamed-5

Nonostante diverse siano le lezioni e i corsi presenti nelle aule della più antica parte dell’università, molti studenti lamentano una situazione di degrado e di abbandono rispetto alle situazioni rinvenute nei cubi presenti sul Ponte.

unnamed-6

Tra i diversi disservizi, occupano ruoli prioritari pulizia e sicurezza, messa in pericolo da quella che sembra considerata dagli studenti inadeguatezza della struttura.

«I disservizi che si rilevano riguardano la salute pubblica,  salute inteso come “stato di completo benessere fisico, mentale e sociale”.  Lo si può già notare  dalle condizioni  in cui versano i  servizi igienici  che risultano essere inagibili, sporchi e rotti;  ancor di più  le aule non igienizzate e fredde non contribuiscono di certo al ‘’benessere dello studente’» Queste le parole dei rappresentanti di Università è Futura e dei ragazzi che hanno richiesto un sostegno in merito alla questione: «É accettabile che in un ateneo dove le lezioni si svolgono al capannone  “L” e terminano nel tardo pomeriggio , ora in cui i “balordi” hanno una maggiore facilità ad agire a causa della scarsa illuminazione e del mancato funzionamento della videosorveglianza, uno studente  può recarsi nel resto dell’ateneo senza nessuna forma di tutela e salvaguardia da parte dell’università? Infine, ma non per importanza, parliamo di come si presentano le strutture agli occhi degli studenti.  Le suddette risultano essere completamente deteriorate, composte da laboratori obsoleti ed aule sprovviste di una degna strumentazione utile allo svolgimento delle lezioni.  Inoltre  è attualmente presente un’aula studio, situata all’interno del  capannone “G”, che risulta poco consona alle esigenze degli studenti. Un altro problema è la struttura della biblioteca in quanto non permette un elevato ingresso di studenti e con orari troppo ristretti rispetto alla biblioteca situata sul ponte del Nostro Campus.  Per quanto riguarda il punto ristoro si presenta una mensa incapace di rispondere all’elevata affluenza degli studenti. La domanda che ci poniamo tutti noi rappresentanti è: “ Se negli anni ’70, periodo  in cui nacque questa Università, l’ideologia era quella di emulare i migliori Campus Americani ad oggi possiamo dire di esserci riusciti?». «Le tematiche – rassicurano i membri di RèF –  saranno approfondite dal Consiglio degli Studenti nella prima seduta utile e portate all’attenzione della governance dal Consigliere d’AmministrazioneDomenico Tulino, il quale ha già denunciato ripetutamente le situazioni in cui versano le strutture del polifunzionale ma ad ogni nulla pare si sia mosso.»

Print Friendly, PDF & Email
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top