Cronaca

Inchiesta ‘Petrolmafie’, chiesto il processo per 85 persone

VIBO VALENTIA – La Dda di Catanzaro con il procuratore Nicola Gratteri ed i pm Annamaria Frustaci, Antonio De Bernardo e Andrea Mancuso, hanno avanzato 85 richieste di rinvio a giudizio per gli indagati dell’inchiesta “Petrol Mafie”, denominata anche “Rinascita Scott 2” o “Dedalo”. Il processo è stato chiesto anche per il presidente della Provincia di Vibo, Salvatore Solano, che è anche sindaco di Stefanaconi, centro che confina con Vibo.

Solano è indagato per i reati di corruzione, scambio elettorale politico-mafioso e turbata libertà degli incanti con l’aggravante mafiosa. Secondo la Dda avrebbe stretto un accordo con il cugino Giuseppe D’Amico (in carcere con l’accusa di associazione mafiosa) sia per essere eletto nelle elezioni del 2018 (in una coalizione sostenuta da Forza Italia) con metodi intimidatori nei confronti degli elettori, sia per affidare alla ditta dello stesso D’Amico appalti per la bitumazione delle strade in maniera illecita e con materiale scadente. L’inchiesta fa anche luce sugli affari della ‘ndrangheta nel settore degli idrocarburi. L’udienza preliminare è stata fissata dal gup per il 4 ottobre prossimo e fra le richieste di rinvio a giudizio ci sono anche tre funzionari della Provincia di Vibo Valentia, imprenditori e boss dei clan Mancuso, Fiarè e Piscopisani.

Print Friendly, PDF & Email
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com