Locale

Il Ministro Galletti a Cosenza per la tutela del Crati

Piano CratiCOSENZA – E’ stato firmato oggi, nel Palazzo della Provincia, il Protocollo d’Intesa Contratto del Fiume Crati alla presenza del Ministro dell’Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare Gian Luca Galletti: «La grande alleanza sociale e istituzionale che si è realizzata attorno al Contratto di Fiume Crati – commenta il ministro dell’Ambiente – rappresenta la strada migliore per difendere e valorizzare un grande patrimonio di sviluppo locale. Con un articolo specifico del ‘Collegato Ambientale’, provvedimento atteso a breve in Aula alla Camera, abbiamo voluto sottolineare l’importanza dei Contratti di Fiume, che entrano a tutti gli effetti nel Codice Ambientale come strumenti volontari di programmazione strategica e negoziata per la corretta gestione delle risorse idriche, la valorizzazione territoriale, la salvaguardia dai rischi idraulici. Quello che interessa il Fiume Crati – conclude Galletti – è un esempio di vera coesione verso un obiettivo comune che fa bene all’ambiente e ai cittadini»

Presenti al Tavolo istituzionale, insieme al Presidente Occhiuto, i Dirigenti della Provincia di Cosenza Giuseppe Nardi per l’Ambiente e Giovanni De Rose per Assistenza Tecnica agli Enti Locali; la Coordinatrice del Gruppo di Lavoro della Provincia di Cosenza Avv. Paola Rizzuto, gli avvocati Maria Claudia Marazita e Elio Lappano e il prof. Giancarlo Principato. Hanno portato i saluti della Regione Calabria, per il Dipartimento Agricoltura il Capo Struttura Mario Caligiuri; il Capo Struttura Cesare Loizzo per l’Assessore alla Pianificazione Territoriale e Urbanistica. Ed ancora una delegazione di studenti del Liceo Classico “B. Telesio” di Cosenza, guidati dal Prof. Antonio Sposato.

Il tema dell’ambiente, coniugato con quello della pianificazione strategica e dello sviluppo locale, è stato al centro delle riflessioni del Presidente della Provincia Mario Occhiuto che ha evidenziato come l’urbanistica contemporanea negli ultimi decenni abbia violentato il territorio, negandone la crescita socio-economica: «i Contratti di Fiume – ha sottolineato il Presidente della Provincia – rappresentano l’opposto e si orientano verso direttrici ambientali di sistema rispetto ai processi di pianificazione, costituendo occasione che mette insieme tanti attori in un processo partecipato reale». Aggiunge Mario Occhiuto, anche nella veste di Presidente della Commissione ANCI per la Coesione Territoriale e Mezzogiorno, che «in un momento di riorganizzazione amministrativa imposta dalla legge Del Rio, che ha comportato la scomparsa e il ridimensionamento di soggetti che finora hanno svolto funzioni di pianificazione, gli Enti di Area Vasta rappresentano il collante tra l’Ente di programmazione regionale e le comunità locali nella gestione dei territori interessati, per la realizzazione del principio di coesione e di sussidiarietà».

L’iniziativa è stata supportata da il Coordinatore del Tavolo Nazionale dei Contratti di Fiume, Arch. Massimo Bastiani; il Prof. Riccardo Santolini, componente del Gruppo 1 del Tavolo Nazionale; il Geologo Francesco Violo, per conto del Consiglio Nazionale dei Geologi.

Print Friendly, PDF & Email
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com