Politica

Giù le tasse Day, banchetti in tutta la provincia di Catanzaro

CATANZARO –Anche la Federazione provinciale del Partito democratico di Catanzaro si è mobilitata per “Giù le tasse”, l’iniziativa del Pd nazionale finalizzata a spiegare ai cittadini, attraverso banchetti e materiale informativo, le misure realizzate per i cittadini e le famiglie, come lo stop al pagamento di Imu e Tasi sulla prima casa. Alla manifestazione organizzata in molti circoli della provincia hanno partecipato componenti della segreteria, parlamentari, amministratori e dirigenti del partito. Assieme a militanti e dirigenti, a Catanzaro è toccato al segretario regionale del Pd Ernesto Magorno e al segretario provinciale Enzo Bruno, assieme – tra gli altri – al coordinatore della segreteria Pino Tomasello e Benedetta Primerano, raccontare ai cittadini «le tante cose buone che il Governo nazionale guidato da Matteo Renzi, premier e segretario nazionale del Partito. Il 16 giugno – si legge nella nota della Federazione provinciale del Pd guidata da Bruno – si pagano le tasse. Non un giorno di festa, quindi. Ma quest’anno se ne pagano meno con un grande aiuto alle famiglie. Non parliamo di promesse ma di risultati verificabili. E come ha avuto modo di scrivere il presidente del consiglio, noi siamo fieri di essere italiani che ci provano». I banchetti allestiti hanno rappresentato un’occasione importante per tornare tra le gente ed illustrare i tanti obiettivi conseguiti dal Governo Nazionale , come il Jobs Act, la legge sulle unioni civili, la riforma della ‘buona scuola’. «Un lungo elenco di risultati che investirà positivamente le nostre vite e cambierà radicalmente l’Italia – affermano ancora i democratici -. Come la riforma costituzionale oggetto del referendum costituzionale di ottobre per cui continuiamo a raccogliere le firme. La riforma costituzionale rappresenta un punto di svolta per il nostro Paese, perché ci garantirà un sistema più stabile, più efficiente e più semplice, con la riduzione del 30 per cento del numero dei parlamentari, con l’eliminazione dei trasferimenti di soldi da parte dello Stato ai gruppi in regione, con decisioni parlamentari in tempi certi e rapidi per una maggiore efficienza, con la trasformazione delle Provincie e l’abolizione del Cnel e con una maggiore chiarezza su cosa fa lo Stato, cosa fanno le Regioni e qualche potere in meno alle Regioni. E la Federazione provinciale di Catanzaro continua ad essere mobilitata per assicurare un risultato positivo a questo appuntamento con la storia».

Print Friendly, PDF & Email
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top