Locale

Tommaso Brutto commissario provinciale Udc a Catanzaro, la reazione del commissario cittadino Andrea Lorenzo

CATANZARO – Tommaso Brutto è stato nominato commissario provinciale dell’Udc di Catanzaro, con incarico affidato direttamente dall’onorevole Lorenzo Cesa, segretario nazionale, e da Franco Talarico, Tommaso Bruttoesponente calabrese del partito. A tal proposito, Andrea Lorenzo, commissario cittadino dell’Udc di Catanzaro, non ha mancato di esprimere le proprie congratulazioni “all’amico Tommaso Brutto per l’importantissimo e prestigioso incarico. Avremo la possibilità di lavorare con quella passione e quella umiltà che ci contraddistingue – ha proseguito ancora Andrea Lorenzo -, insieme a tutti gli altri dirigenti di partito della provincia e anche grazie al grande apporto di Franco Talarico.  Riusciremo, di questo ne sono certo, a far tornare ai fasti di un tempo, il simbolo dello scudo crociato in città, in provincia e nella nostra amata regione. Era impensabile subito dopo le regionali tutto questo, infatti, noi dell’UDC abbiamo attraversato un bruttissimo periodo subito dopo queste, ma non ci siamo mai sconfortati, ed è grazie soprattutto alla nostra passione che ci siamo rialzati e ci siamo rimboccati le maniche. Infatti trascorsi solo sei mesi, alle elezioni comunali di Lamezia, grazie all’indefesso lavoro del nostro uomo di punta in Calabria, Franco Talarico, abbiamo ottenuto un grandissimo risultato eleggendo due consiglieri comunali. Ma siamo ripartiti un po’ in tutta la Calabria grazie alla nostra determinazione e organizzazione su tutto il territorio regionale”. Del resto, ha concluso infine Lorenzo, “l’Udc riparte di slancio a Catanzaro al fianco di Sergio Abramo, in provincia e in tutta la regione: Franco Talarico ha da poco chiuso il tesseramento straordinario in tutta la regione con un risultato grandioso per adesioni. Quindi avanti tutta riportiamo l’Udc ad essere protagonista nel centro destra ed in tutto il panorama politico, dal nazionale al cittadino”.

Print Friendly, PDF & Email
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top