Primo Piano

‘Ndrangheta, intercettati: “Lo Stato sono io qua”. 10 arresti

LOCRI (RC) – I tentacoli della ‘ndrangheta in Calabria e in tutta Italia. Sono scattati gli arresti per dieci persone, tutte affiliate a clan della Locride, nel reggino, nelle ultime ore, poiché ritenuti responsabili di aver fatto parte di una associazione di tipo mafioso operante sull’intero territorio nazionale. 

Tra le attività criminali a loro contestate ci sono delitti in materia di armi, contro il patrimonio, la vita e l’incolumità individuale, ma anche relativi al commerci di sostanze stupefacenti, estorsioni, usure, furti, abusivo esercizio di attività finanziaria, riciclaggio, reimpiego di denaro di provenienza illecita in attività economiche.

I destinatari delle misure erano già stati condannati dal Tribunale di Locri a giugno 2020 a seguito dell’operazione “Mandamento Jonico”.

Gli arrestati

AGUÌ Roberto di anni 49, condannato in primo grado alla pena di anni 13 e mesi 6 di reclusione;

 

GULLÌ Domenico di anni 35, già condannato alla pena di anni 9 di reclusione, ritenuto appartenere alla locale di Melito Porto Salvo;

 

IETTO Carmelo Gaetano di anni 74, già condannato alla pena di anni 20 di reclusione;

 

MANGLAVITI Giovanni di anni 56, di Bovalino, già condannato alla pena di anni 19 di reclusione, ritenuto colpevole del reato di associazione a delinquere di tipo mafioso;

 

MARVELLI Giuseppe di anni 67, già condannato alla pena di anni 24 di reclusione, ritenuto responsabile della locale di Natile di Careri,;

 

MARVELLI Paolo di anni 32, già condannato alla pena di anni 12 di reclusione;

 

PELLE Antonio di anni 33, già condannato alla pena di anni 14 e mesi 8 di reclusione;

 

ROMEO Tommaso Pasquale di anni 72, già condannato alla pena di anni 12 di reclusione;

 

SCIPIONE Tonino di anni 41, già condannato alla pena di anni 9 di reclusione;

 

SANTANNA Filippo di anni 70, già condannato alla pena di anni 9 di reclusione.

 

Gli arrestati sono destinatari di custodia carceraria ad eccezione del SANTANNA che è stato sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari.

 

Print Friendly, PDF & Email
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com