Società&Partecipazione

Ripartire dai luoghi più belli della Calabria, nasce l’associazione Borghi da Ri…Vivere

Catanzaro (Cz) – Recuperare la storia e la memoria dei luoghi e istituire una grande rete che colleghi tutte le peculiarità dei borghi calabresi. E’ questo che si prefigge di fare l’associazione di promozione sociale “Borghi da Ri…Vivere” che sarà ufficialmente presentata mercoledì 24 febbraio alle ore 11.00 presso la “sala Oro” della cittadella regionale a Catanzaro. Alla conferenza stampa di presentazione interverranno Mario Oliverio, presidente della regione Calabria; Nicola Irto, presidente del consiglio regionale; Franco Rossi, assessore alla pianificazione territoriale ed urbanistica; Michelangelo Mirabello, presidente della III commissione consiliare “sanità, attività sociali, culturali e formative”; Alessandro Bianchi, urbanista, rettore dell’Università Telematica “Pegaso” ed ex Ministro dei trasporti. “Lo scopo principale dell’associazione – ha dichiarato in una nota l’ingegner Giovanni Renda, presidente di “Borghi da Ri…Vivere” – è quello di porre l’attenzione sull’inestimabile patrimonio dei borghi, e attuare, in un contesto sostenibile e responsabile, il recupero, la valorizzazione e la rigenerazione del patrimonio edilizio e architettonico locale. Un circuito in grado di esaltare anche le tradizioni eno-gastronomiche e produttive che variano di borgo in borgo per incrementare il turismo in Calabria e destagionalizzarne i flussi”. Ad aver già aderito, dodici comuni calabresi ma anche diverse associazioni, strutture ricettive, botteghe artigianali, professionisti, università, ordini di categoria e semplici appassionati. “Borghi da Ri…Vivere” si inserisce all’interno di un percorso portato avanti negli anni dalla Fondazione Italiana di Bioarchitettura – delegazione Calabria, che ha sede a Lamezia Terme e che opera su tutto il territorio nazionale per diffondere tematiche legate alla salvaguardia dell’ambiente, nella tutela della salute dell’uomo e nel rispetto dell’integrità e della valorizzazione dei luoghi.

Print Friendly, PDF & Email
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top