8@31

Ponte di Calatrava e Planetario: il sindaco Mario Occhiuto replica a Italia dei valori sullo stato dei lavori

Cosenza – 12 GIU 2012 – “Fra gli obiettivi del nostro programma politico-amministrativo, c’è quello di cambiare il volto della città attraverso opere significative e, fra queste, è nostra intenzione far rientrare naturalmente anche il Planetario e il ponte di Calatrava”.
Il sindaco Mario Occhiuto rassicura così lo schieramento di Italia dei valori che, tramite il commissario cittadino Sandro Scalercio, ha chiesto in una nota quale sia lo stato attuale della realizzazione dei due importanti progetti risalenti a diversi anni fa e, dunque, precedenti all’insediamento dell’attuale esecutivo.
“Il lavoro dell’ufficio tecnico del Comune in tal senso è febbrile – aggiunge il primo cittadino – Stiamo facendo tutto ciò che è in nostro potere per sbloccare la situazione e riaprire i cantieri prima possibile, addirittura entro il prossimo agosto”.
Il cantiere del ponte di Calatrava, giova ricordarlo, fu aperto nel 2009. Al momento, si trova in condizione di sospensione per la necessità di procedere ad una bonifica sulla superficie che interessa l’opera. Il compenso lordo pattuito in origine con l’archistar Santiago Calatrava è di 1.632.483 euro a fronte di 1.233.220,35 euro già versato al celebre architetto.
“Sia il Planetario che il ponte – prosegue Occhiuto – sono opere finanziate nell’ambito di programmi di recupero urbano complessi che, come tali, richiedono tempi meno brevi del consueto a causa di una evidente rendicontazione onerosa. L’amministrazione sta lavorando intensamente con la Regione Calabria proprio per riattivare il flusso finanziario legato alle rendicontazioni periodiche, a dimostrazione dell’interesse portato verso questi progetti. Sento di ringraziare Italia dei valori – conclude il sindaco Occhiuto – per i continui stimoli all’attività di governo e per lo spirito partecipativo con cui accompagna la nostra azione”.

Fonte: Portavoce del Comune di Cosenza

Print Friendly, PDF & Email

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top