8@30 in piazza

Giornata per i dispersi in mare 3/Il momento conclusivo e la richiesta di ulteriori ricerche

IMG_20150709_195624SIMERI CRICHI (CZ) – La giornata dedicata ai dispersi in mare dal 27 luglio scorso, Giuseppe Parrò, Francesco Rania e Angelo Tavano, si è conclusa nella piazzetta di Porto D’Orra, dopo la S. Messa presieduta dal Vescovo di Catanzaro (le parole del Vescovo) e la fiaccolata.

Nella piazzetta è stato proiettato un video che ha ricostruito il fatto e la battaglia di Rosetta Tarantino. Nei mesi scorsi, la donna e i suoi figli, tramite il loro legale (Maria Costa), hanno chiesto di fare ulteriori ricerche dei corpi tramite un’operazione della Marina militare nello specchio d’acqua compreso tra Simeri Mare, Sellia Marina e Cropani. In questa zona, infatti, secondo le prime indagini, è stato emesso l’ultimo segnale del cellulare di Giuseppe Parrò. Inoltre, nella stessa zona, poco più a nord, è stata trovata la barca, ripescata per caso da un peschereccio a strascico (25 agosto scorso). Perciò, familiari chiedono l’intervento della Marina militare: “la Marina è solita fare questo tipo di esercitazioni – ci hanno spiegato in questi mesi insieme al loro legale – svolgerla in quella zona non comporterebbe costi aggiuntivi”.

La richiesta è stata indirizzata al Ministro della Difesa, Roberta Pinotti, alla Marina Militare, alla Guardia Costiera, alla Procura di Catanzaro. Ad oggi, secondo quanto appreso di recente dal legale Maria Costa, «in seguito alla richiesta della Guardia Costiera, la Procura della Repubblica di Catanzaro ha autorizzato ogni operazione utile al rinvenimento dei corpi, quindi sono venuti meno gli ostacoli indicati dal Ministro IMG_20150709_195224della Difesa».

Rosetta Tarantino, nel video proiettato questa sera, ha ricordato il marito: “faceva parte del coro, andava a Messa tutte le domeniche, amava la famiglia prima di sé stesso, altruista”. La donna ha concluso: “in questi giorni vivo fortemente questa amarezza che condivido con le persone a cui voglio più bene e che mi sono accanto: i miei figli. Per loro avrei voluto una storia diversa, un papà ancora presente e uno Stato più giusto. Ho portato avanti una battaglia e non mi arrenderò”.

I senatori 5 stelle si sono dimostrati vicini alla donna. Bruno Marton e Vincenzo Santangelo, membri della Commissione Difesa, hanno presentato tre interrogazioni parlamentari, una a ottobre indirizzata al Ministro della Difesa, due presentate proprio oggi, al Ministro della Difesa e al Ministro della Infrastrutture. Inoltre hanno fatto sapere di aver fatto avere nelle mani del presidente Mattarella la lettera di Rosetta Tarantino.

Vincenzo Santangelo, dopo aver mandato un abbraccio a tutti i familiari, ha spiegato quanto fatto per la vicenda. “Pretendiamo che i cittadini tutti abbiano gli stessi diritti – ha affermato – abbiamo chiesto al Ministro di utilizzare e se intende utilizzare gli stessi mezzi che si stanno utilizzando nel Canale di Sicilia e qui in Calabria” [per le tragedie dei migranti, ndr]. Ha aggiunto: “ci hanno raccontato perché il Ministro scrive ai familiari e non ai parlamentari, perché hanno probabilmente l’imbarazzo di poter dire un no”. Bruno Marton ha precisato che, come senatori, non hanno fatto nulla di eccezionale, ma il loro dovere e ha chiesto anche alla comunità di stringersi inIMG_20150709_200240torno a Rosetta Tarantino (“mi pare che sia stata abbandonata non solo dallo Stato, ma anche dalla comunità”). Nicola Morra ha voluto dare un messaggio di forza e di speranza: “mi piacerebbe far sentire la vicinanza di una comunità che ritenga un dovere sacrosanto prestare attenzione ai più deboli, che hanno la necessità di sentire la nostra presenza. La signora Tarantino ci ha ricordato che cosa significa essere Stato: Stato significa essere avvolti da un reticolo di doveri e di relazioni”.

Il Presidente della Pro Loco, Franco Canino, ha espresso la propria gratitudine ai parlamentari per l’interessamento, pur pensandola diversamente da loro. Per il presidente “la politica è molto in ritardo rispetto ai tempi in cui avvengono i fatti. La Pro Loco si è voluta collegare al pianto di dolore di queste tre famiglie”.

Ha concluso Maria Costa, legale della famiglia Parrò-Tarantino, che ha fatto notare l’assenza di tante autorità invitate e si è detta arricchita dall’amicizia con Rosetta Tarantino. “La burocrazia non è altro che una scusa per chi non vuole fare il proprio dovere oppure per chi si vuole lavare le mani dalle proprie responsabilità – ha detto – E noi siamo incorsi proprio in questo: per ottenere una risposta da un Ministro [della Difesa, ndr] abbiamo dovuto aspettare cinque mesi. E peraltro non è entrato nel merito della questione: ha semplicemente detto: la competenza non è di questo Ministero, ma di altro Ministero”.

 

 

Altri momenti della fiaccolata

 

IMG_20150709_195400 IMG_20150709_195509 IMG_20150709_195624 IMG_20150709_200016 IMG_20150709_200126

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com