8@30 Style

Made in B: chi lo ha detto che va di moda solo “Zara”?

bdragoni 4Domenica. Tempo di passeggiate tra le montagne, di castagne, di cinema. Di moda. A spasso sui social network, a caccia di tendenze per l’inverno vi regaliamo un’intervista dal sapore semplice e raffinato che parla di una giovane dalle idee già molto chiare e le capacità ben definite. Non una di quelle fashion blogger che girano per il web cercando di dare consigli per gli acquisti, bensì una ragazza di talento che, tra i social, propone sì outfit, ma personalizzati e creati, il più delle volte, da lei stessa. Il suo nome? Benedetta Dragoni o, per i più esperti, MADE IN B. Scommettiamo che finita l’intervista, correrete a cercarla su Instagram?

Nome: Benedetta Dragoni meglio conosciuta come MADE IN B.

Luogo e data di nascita: Sarzana, il giorno dell’Immacolata di 26 anni fa.

Professione: Fashion blogger, anzi no, “web influencer”.

Studi: Ultime battute di una laurea in Economia

Sogno nel cassetto: Aprire una piccola azienda, inizialmente un e-commerce che mi dia la possibilità di continuare a produrre capi personalizzati e sartoriali e che nel frattempo mi consenta di accrescere i contatti e di propormi sul mercato con le mie creazioni.bdragoni 3

Valore aggiunto: Sono convinta che ogni iniziativa determini impegno e sacrificio e che, seppur nelle difficoltà che derivano da un contesto globalizzato, il mio punto di forza consista nella capacità di creare capi personalizzati che vadano al di là della grande distribuzione industriale. Inoltre, questo mi da la possibilità di soddisfare le esigenze anche di chi non ha propriamente il fisico da “modella”.

Collezione 2015/2016: Ho pensato di concentrarmi inizialmente sulla creazione di gonne che siano elaborazioni di tessuti strutturati e molto colorati. Cerco sempre di seguire le tendenze del mercato, almeno quelle più stimolanti.bdragoni

Consigli per gli acquisti “social”: Agli adolescenti che si muovono sui social consiglio sempre molta prudenza poiché sul web si puo trovare di tutto. Muoversi con attenzione verificando sempre i vari feedback e valutare la qualità dei contatti è ciò che, in genere, riduce il livello di rischio.

Giornalista o web influencer?: Personalmente ritengo che in ogni cosa alla base vi sia il talento. Talento che mischiato ad un po’ di fortuna e alla giusta dose di impegno, può aiutare ad ottenere ciò che si desidera. Senza sarebbe impossibile. Rispetto ai due ruoli, sono entrambe figure che fanno parte di un mondo in autoalimentazione. Le une necessitano delle altre. Chi fa moda ha bisogno della comunicazione e il mondo della comunicazione ha bisogno della moda.

Un vizio, un difetto, un pregio, un’abitudine di Benedetta: Ho il vizio di mangiare le unghie, l’abitudine ad ingurgitare tanta frutta e verdura, sono una persona estremamente disponibile ma un po’ permalosa.

Immagina di essere un pubblicitario. Dimmi uno slogan per il tuo “brand” che ne riassuma l’essenza: Made in B, l’emozione del capo personalizzato.bdragoni 2

 

 

Ph. Made in B

Lia Giannini

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com