Musica

Fra Greta Thunberg e De Andrè: le emozioni di Francesco Morrone, cantautore su due ruote

francesco_morrone1

COSENZA – Si chiama Francesco Morrone, è originario di Montalto Uffugo (Cs) ed è un “Cantautore su due ruote” (come il nome del suo primo Ep, per la casa discografica Honiro, la stessa di Ultimo) o, come lui stesso si definisce, un cantautore senza fissa dimora, che gira per il mondo portando con sé la chitarra e tante emozioni. De Andrè e De Gregori gli autori che più lo hanno influenzato, ma Francesco piace citare anche i calabresi Dario Brunori e Paolo Pasqua in arte L’Ennesimo. 

«Il mio viaggio musicale è iniziato più o meno quattro anni fa quando studiavo presso l’Accademia Caccini di San Fili – esordisce Francesco – e poi sono salito un po’ a Roma per fare dei provini che non sono sfociati in quello che ci aspettavamo. Quindi ho deciso di cambiare completamente strada. Così tre anni fa mi sono messo a suonare per strada per la prima volta nella metro di Flaminio: ho suonato perchè dovevo farmi i soldi per riscendere ma è andata bene e così ho capito, dalle forti emozioni ricevute, che era quello che volevo fare. Poi per un po’ mi sono trasferito a Torino, sono risceso ancora a Roma e ora viaggio…», ci dice con disarmante tranquillità. francesco_morrone2

Fra gli sbandati di San Salvario

«A Torino – ci racconta ancora – vivevo molti tormenti amorosi e musicali, non avevo ancora capito quale fosse la mia strada, per questo dico che ho stabilito per poco lì quello che per me era instabile. Poi quando sono andato a Roma mi sono rasserenato, ho riflettuto e fatto ciò che mi piaceva: fare musica». E la sua musica Francesco ora la porta in giro per l’Italia, insieme alla sua inseparabile bicicletta, con il suo “Ripartendo adesso tour”. «La musica per me è essenzialmente un piacere, che ora vivo anche con l’impegno del lavoro, specie per questo tour in cui viaggio, pedalo, racconto nel videoblog il viaggio attraverso aneddoti e quello che vedo, scrivo articoli, compongo nuova musica». Ma la bici non è solo un mezzo di trasporto ma è anche e soprattutto lo strumento per comunicare qualcosa di veramente importante: «L’idea di fare il tour in bici è nata a dicembre ed è collegata al mio interesse per l’ambiente e l’ecosostenibilità, in questo momento di difficoltà legato al riscaldamento globale che stiamo vivendo e che tutti ignoriamo, fino a che non dovremo fare i conti con l’irreparabile. Girando per l’Italia mi rendo conto sempre più dei tanti microclimi che ci sono».

Fra Greta Thunmberg e Marco Mengoni

La matrice dell’idea di Francesco naturalmente porta all’attivista Greta Thunberg e percorre la linea tracciata anche da un altro cantante, Marco Mengoni, in giro per l’Italia con il suo “sostenibile” “Fuori Atlantico tour”. «L’ho incontrato a Roma, ho partecipato ad entrambi gli incontri. Come molti altri vivo quindi il desiderio di lasciare un messaggio attraverso gli strumenti che abbiamo oggi a disposizione, i social, gli hashtag; è giusto cavalcare insieme a lei l’onda per far capire a più persone possibili. Penso valga lo stesso per Mengoni».

francesco_morrone3Intanto Francesco cavalca l’onda del suo singolo “San Salvario” (composta con il produttore multiplatino Matteo Costanzo). «È una canzone che nella sua prima versione, realizzata insieme al mio precedente produttore Francesco Clarizzo, era molto malinconica. Adesso dopo il restyling fatto con Matteo Costanzo lo è di meno ma è sempre associata agli ubriaconi, io l’ho composta perché – ci dice facendoci rivivere la scena – quella sera stavo li e cercavo, tra i mille volti della piazza, quello di una ragazza che ancora non ho trovato e ancora sto cercando. Lei come me viaggia molto, e studia, facciamo la stessa vita e difficilmente ci incrociamo. Ma ogni tanto ci riusciamo, ci facciamo le sorpresine e va bene così. Ora sono contento ma prima mi ha fatto soffrire». «In quale piazza ci ritroveremo? A Palermo, lei vive lì e ormai ha capito che è la protagonista di San Salvario e la cosa non le dispiace».

E dopo San Salvario quali altri sorprese bisogna attendersi dall’Ep “Ripartendo adesso”? «Questo lavoro è un punto d’inizio, ma è anche un contenitore di emozioni del passato già digerite. Il mio primo disco vero e proprio conterrà invece tutte le emozioni nuove, anche quelle che sto vivendo quest’estate in giro per l’Italia».

Prossime tappe del suo “Giro”

Dopo varie tappe nella sua Cosenza e in Calabria, Francesco è pronto a partire: lo attendono Messina e Palermo, e dopo la Sicilia la Puglia, tutto il litorale adriatico fino a Venezia.

Nel corso del viaggio altri chilometri, altre note, altre canzoni che aspettano di essere composte.

 

 

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email

Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com