In Evidenza

Alessano si vendica. Ora la De Seta rischia di rovinare una stagione

COSENZA – Terminato lo scontro diretto tra l’Aurispa Alessano e la De Seta Casa Conad Cosenza, il tecnico (perdente per tre set a uno ) dei lupi Marano si sfoga su facebook. Il tenente Kojak in tuta scrive parole incoraggianti ai suoi atleti: “sono orgoglioso dei miei ragazzi sempre…ancora di più ora…nessuno potrà cancellare quello che ad oggi abbiamo fatto…crediamoci fino alla fine uniti contro tutto e tutti”. Poi, attacca i “rosiconi” che festeggiano per le sconfitte della squadra cosentina. Il clima del dopo partita non è sereno. La sconfitta e le critiche (costruttive o distruttive) pesano sul campionato e sulle convinzioni di un gruppo di giocatori che punta ancora alla serie A2.

L’ Aurispa Alessano ha vinto contro un avversario che ora riguarda dal basso la cima della classifica. La De Seta ha una partita in meno dei primi e sette punti di distacco. Il punteggio conclusivo (25-13, 25-23, 22-25, 25-20) è la testimonianza di una squadra che arranca in trasferta (quattro sconfitte) e brilla in casa (nessuna delusione). I cosentini, in questo pomeriggio pugliese, sono sembrati indifesi, opachi e mentalmente fragili. Dopo esser stati schiacciati nel primo set, hanno perso il secondo con uno scarto minimo, vinto il terzo per tre punti e ceduto il quarto nel momento in cui avrebbero dovuto ribaltare i salentini. La squadra di Medico è stata spietata. L’attacco salentino ha vinto la sfida con quello cosentino (dove sono finti i tuoni e i fulmuni di marca bruzia ?), tartassando spazi, muri e difesa. Ora, l’Aurispa Alessano ha una percentuale di promozione più promettente. Ora, la De Seta Casa Conad Vena Cosenza deve ritrovare la mentalità vincente che fugge dagli impegni lontani dal “Pala Ferraro” e quel misto di sregolatezza e personalità che trasforma i giocatori in campioni. Il tecnico Marano ha il dovere di parlare con i suoi giocatori, di fare auto-critica, di proteggerli da interferenze stupide, migliorarne l’atteggiamento psicologico e incitarli a lavorare su ciò che non fortifica. O la va o si rovina una stagione.

In questa domenica di Marzo, i salentini hanno indovinato i punti deboli dei lupi  e ci hanno scavato senza lunghe pause senza il pericolo di una resistenza ad oltranza. Le statistiche e il punteggio sono l’ambito premio di chi ha meritato di vincere, senza se e senza ma. Galabinov, Testagrossa, Illuzzi, Astarita e De Marco non hanno giustificazioni da portare in sala stampa, solo il profondo dispiacere di non essere più i numeri uno e l’esigenza di reagire ad un campionato ancora aperto, seppur più complicato di prima. Per riprovare a salire in classifica, non basteranno la fortuna e i social network. Serviranno invece, il bel gioco e un duro carattere. Cari atleti contemporanei, mettete i vostri attributi sul tavolo. Il dado sta per esser tratto.

Francesco Cerminara

Print Friendly, PDF & Email
Click to comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

To Top
WP Facebook Auto Publish Powered By : XYZScripts.com